mercoledì, 18 ottobre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Un week end al cinema e contro la crisi, a partire dall’istant movie Workers – pronti a tutto
Pubblicato il 12-05-2012


Il cinema è un ottimo modo per risollevare gli animi in questo periodo grigio e di crisi. E oltre a risanare lo spirito dopo una settimana di lavoro, rimpingua le casse delle major cinematografiche, a volte a discapito delle produzioni più piccole, ma il cinema è così e, come nella vita, homo homini lupus. Quindi, senza condannare la concomitanza degli eventi, il 13 maggio uscirà il nuovo film di Tim Burton che, con molta probabilità, oscurerà gli altri spettacoli previsti in uscita.

NEOREALISMO DELLA CRISI – Oltre alla performance di Jhonny Depp nella veste del vampiro Barnaba Collins, si inaugurerà un nuovo filone, quello italiano del neorealismo tutto crisi e disperazione che, come se non bastasse, proporrà una serie di film che racconteranno agli italiani affaticati, le storie di altri italiani disperati. Il primo è il lungometraggio-inchiesta di Luca Merloni dal titolo emblematico: Disoccupato in affitto, che documenta la piaga della mancanza di occupazione. E proprio in questi giorni l’Ocse (organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) stima che da inizio crisi sono 13milioni in più i disoccupati da inizio crisi.

NON RIMANE CHE RIDERCI SU – A raccontare la crisi c’è anche l’istant movie a episodi di Lorenzo Vignolo: Workers – pronti a tutto che racconta l’universo dei precari in chiave comica e sprezzante, basti pensare ai personaggi: Giacomo, che per svoltare dei soldi per pagare i debiti dell’affitto, decide di fare il badante di un paraplegico sui generis, un Francesco Pannofino su sedia a rotelle ma prepotente e dipendente dalla cocaina, il secondo personaggio è Italo, il cui mestiere è quello di raccogliere lo sperma in un allevamento di tori e, per concludere, c’è Alice che vorrebbe fare la truccatrice (il suo lavoro originario) ma è costretta a lavorare presso un’impresa di pompe funebri. Workers di certo è più indicato per i cinefili in cerca di leggerezza e drammatizzazione.

IL RITORNO DI ASIA ARGENTO – Torna sul grande schermo anche Asia Argento, nelle Isole di Stefano Chiantini. Il film si svolge, ed è girato, su un’isola delle Tremiti dove gli abitanti sono molto pochi. La Argento è nei panni di Martina, una donna che diventa muta a seguito di un terribile lutto familiare ma che riesce a risollevare l’animo di un uomo, Ivan il clandestino, sull’orlo della disperazione. Il terzo personaggio che completa questo percorso, che va dallo sconforto e dalla diffidenza verso solidarietà e fiducia, è Don Enzo. Il film è una sfida per Asia Argento che ha commentato quanto sia stato difficile «comunicare più con il cuore e il corpo che con le parole»

NAPOLI24 – Sarà nelle sale questo weekend anche Il richiamo di Stefano Pasetto, che racconta un’inedita e travolgente love story tra due donne Lucia e Lea (Sandra Ceccarelli e Francesca Inaudi), Silent Souls del russo Aleksei Fedorchenko che racconta i rituali funebri dell’antica cultura Merjia e il film già Orso d’Argento a Berlino di Ursula Meyer, Sister che rappresenta il rapporto tra due fratelli, un bambino e una bambina, che per sopravvivere si trovano a fare i ladri nella stazione sciistica dove il film è ambientato, con il desiderio di denunciare l’ambiente sociale ipocrita e classista. Da non perdere anche Napoli24 di Sorrentino. Insomma, questo weekend al cinema ce n’è per tutti i gusti.

Emanuele Ciogli

 

 

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento