giovedì, 23 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Un week end “da nobile” nelle ville palladiane del vicentino
Pubblicato il 10-05-2012


Il sonno è più chic se si sostituisce la classica stanza d’albergo con la camera di una dimora storica. È l’ultima tendenza seguita da chi cerca di vivere un’esperienza unica e fuori dal comune. I luoghi più ambiti sono le straordinarie ville Palladiane, edifici cinquecenteschi situati nella maggior parte dei casi intorno alla provincia di Vicenza, dall’architetto Andrea Palladio, che una volta immerso nel progetto della villa, non si limitava a ideare la struttura principale, ma estendeva il proprio stile ai giardini, ai cortili (dove venivano svolte mansioni domestiche), ai frutteti, alle fontane e via dicendo. È per questo che abitare, o vivere anche solo una giornata, in una villa di questo genere significa godere del privilegio di un lusso che va oltre il puro senso estetico: non accade tutti i giorni di immergersi nella storia dell’architettura italiana.

 

CHATEAU PER VACANZE DA NOBILI – Le abitazioni trasformate in alberghi sono numerose e non si limitano a comprendere le ville palladiane del vicentino. La moda delle parentesi vacanziere nelle residenze chic, nasce almeno un decennio fa con la tendenza del Made in France (oramai ben consolidata e apprezzata) di costituire hotel extra-lusso ospitati da chateau che, senza rinunciare ai fasti del passato, tornano ad essere teatro di momenti magici e importanti. Sebbene i castelli, che vanno dal periodo medioevale a ville più recenti, cambino del tutto la propria “destinazione d’uso” passando da dimore nobiliari ad alberghi, nella maggior parte dei casi tendono a conservare il mobilio, la tappezzeria e spesso l’indirizzo delle varie stanze: la colazione sarà servita dove i vecchi proprietari banchettavano.

VILLE PALLADIANE TUTTE DA SCOPRIRE – Tra le ville palladiane lungo il corso del Brenta, la vacanza è una vera e propria avventura tra l’eleganza delle dimore e l’unicità di atmosfere da scoprire: non si deve dimenticare che la zona offre percorsi enogastronomici tra i più gustosi ed affascinanti di tutta Italia e nel periodo primaverile ed estivo sarà possibile degustare direttamente nelle cantine dei produttori, vini della zona quali il Bardolino che sebbene sia un vino da “tutto pasto” si accompagna a vari piatti tipici, uno su tutti la zuppa scaligera (un minestra di pollo, piccioni e tacchinella). Un bianco della zona da degustare è il Recioto di Soave, intenso e vellutato, ottimo accompagnamento per i piatti a base di formaggi.

PAESE CHE VAI VILLA MAGIA CHE SCOPRI – Se per alcuni la zona del vicentino è troppo lontana per un solo week-end, si può non rinunciare al piacere dell’incontro tra natura e dimore storiche offerte dalla zona della Lucchesia. Nel cuore della Toscana, a pochi chilometri da Firenze, è possibile seguire un entusiasmante percorso alla scoperta di maestose ville, gioielli che costellano la zona che circonda l’altrettanto preziosa città di Lucca. In alcune dimore è possibile albergare ed altre sono aperte ai visitatori. Insomma, da scegliere rimane solo quale territorio scoprire ma senza discussioni è l’assioma secondo il quale, nel nostro Paese, ovunque tu vada ci saranno paesaggi ed esperienze unici ad accoglierti e le ville, palladiane o lucchesi che siano, ne sono una testimonianza.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento