domenica, 19 agosto 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

A Trevigano Romano il trofeo “Ecovela Play 2012”: un modo per legare lo sport con l’ambiente
Pubblicato il 20-06-2012


Ecovela Play 2012, l’evento all’insegna dello sport e dell’ecosostenibilità che vedrà sfidarsi numerose barche a vela, arriva quest’anno alla sua terza edizione organizzando sette regate, ognuna delle quali dedicata ad un aspetto particolare dell’ecosostenibilità. Sarà Trevignano Romano, la località che si affaccia sul lago di Bracciano famosa per i suoi circoli velici, ad ospitare l’iniziativa sportiva. L’evento organizzato per la prima volta tre anni fa da Andrea Nesi, grande appasionato di vela e di marineria, nell’edizione di quest’anno si è consolidato grazie alla collaborazione con il Comitato Provinciale AICS di Roma ed il patrocinio del Comitato Regionale del Coni Lazio. 

DOPO LE REGATE, SPAZIO AL CONFRONTO SULL’AMBIENTE – Un grande evento dunque, che permetterà di passare le domeniche estive tra i piaceri dello sport e la tutela dell’ambiente. Si cercherà infatti di sensibilizzare gli spettatori e gli amanti dello sport su particolari temi dell’ambiente, e sul ruolo centrale di ciascun individuo per la salvaguardia del nostro pianeta. Al termine di ogni regata infatti, gli equipaggi partecipanti, gli spettatori e gli ospiti si confronteranno presso il CentroVelico 3V di Trevignano Romano in dibattiti e confronti sulle buone pratiche che ognuno di noi può mettere in atto nel quotidiano, dalla raccolta differenziata, all’uso di energie alternative e rinnovabili.

IN ACQUA PER SOSTENERE LE IMPRESE DEL PARMIGIANO – Ecovela Play 2012 ha dato il suo contributo alle zone dell’Emilia Romagna colpite dal sisma. In particolare tutte le quote di partecipazione delle imbarcazioni che hanno partecipato alla prima sfida del trofeo sono state consegnate a Monica Zibellini, Presidente dell’AICS della Provincia di Roma – che patrocina Ecovela Play – che ha aperto un canale per l’acquisizione delle forme di parmigiano danneggiate dal terremoto, per acquistarne alcune. Secondo Andrea Nesi si tratta di «un gesto visibile, piccolo ma concreto, di quelli che valgono più di tante parole e contestualmente promuoveremo l’acquisto di altro prodotto presso tutti i presenti». Utile e dilettevole: infatti, il parmigiano acquistato dalle aziende colpite dal terremoto sarà offerto al termine di ogni regata.

CONIUGARE LO SPORT ALL’ECOSOSTENIBILITA’ – Le barche si sfideranno ogni domenica: si è cominciato il 17 giugno con una regata sulle “Energie alternative” e si continuerà il primo luglio con una sfida che si occuperà di “Mobilità ecosostenibile”; il 15 invece sarà la volta della terza regata a tema “Raccolta differenziata” e il 29 il tema sarà “No agli Ogm nella filiera alimentare”. Il 12 agosto invece si continuerà a remare affrontando la tematica dell’Alimentazione biologica, e il 26 quella del “Consumo responsabile”. La finale si terrà sabato 9 settembre con un dibattito sul “Senso civico”, mentre domenica 9 si svolgerà l’eventuale spareggio e la premiazione dedicata alla questione dell’acqua e delle risorse idriche. Per una sensibilizzazione efficace durante ogni evento sportivo saranno distribuiti degli eco-volantini contenenti una scheda tecnica relativa al tema trattato di volta in volta.

Benedetta Michelangeli

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento