lunedì, 22 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Don Pino Puglisi, il Papa autorizza la beatificazione del parroco ammazzato dalla mafia
Pubblicato il 28-06-2012


Sembra una coincidenza: ieri sera, Rai3 manda in onda Alla luce del sole, film tv dedicato alla figura di Don Pino Puglisi, interpretato da Luca Zingaretti. Oggi, il Papa rende noto d’aver autorizzato la Congregazione per le Cause dei santi a promulgare il decreto relativo al martirio del sacerdote in quanto ucciso “in odio alla fede”. Dunque, non è necessario un miracolo per la beatificazione dell’uomo di chiesa, vittima della mafia: basta il fatto che sia stato accertato il suo martirio. A comunicarlo è stato lo stesso Benedetto XVI dopo avere ricevuto il cardinale Amato, prefetto della Congregazione per le cause dei santi.

LA VICENDA –  Parroco del quartiere Brancaccio di Palermo, Pino Puglisi era impegnato, quotidianamente, a salvare dalla criminalità organizzata bambini e giovani abbandonati e sbandati della zona. Questo suo impegno sociale era condotto con discrezione ed umiltà, lontano da tv e giornali. Ma la sera del 15 settembre del 1993, giorno del suo 56esimo compleanno, davanti al portone di casa, si trovò il suo assassino, Salvatore Grigoli, al quale, prima di essere freddato con una calibro 7.65 parabellum munita di silenziatore, sussurrò «Me l’aspettavo». Puglisi, infatti, sapeva bene di essere entrato nel mirino della mafia a causa della sua azione di recupero dei giovani, facili prede per il clan dei Graviano, padroni del territorio.

LE REAZIONI – Alla notizia dell’autorizzazione del Pontefice alla beatificazione del sacerdote, il neosindaco di Palermo, Leoluca Orlando, ha affermato in una nota che si tratta di «una bellissima notizia che rende felice tutta la città di Palermo e tutta l’Italia. Don Pino Puglisi è un martire che ha dato la sua vita in difesa degli ultimi e della legalità e che ha testimoniato con la sua intera esistenza il valore della solidarietà e dell’accoglienza». «Le nuove generazioni dovrebbero prenderlo ad esempio perché è un faro nella lotta alla mafia», ha poi concluso il primo cittadino della città. «La decisione del Papa di autorizzare la beatificazione di don Pino Puglisi è di grande importanza e significato», ha dichiarato il vice presidente del Senato, Vannino Chiti. «La vita vale se è donata, diceva lo stesso don Puglisi – ha poi aggiunto Chiti – La sua figura di prete coraggioso che ha pagato con il sangue la fede e l’impegno quotidiano nella lotta alla mafia restano incisi nella nostra memoria».

Silvia Sequi

 

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento