venerdì, 19 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Il Pd attacca la Lega che finge di attaccare Formigoni. Ma lui non ‘schioda’ dal Pirellone
Pubblicato il 02-07-2012


Il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, è ormai “sotto tutela della Lega e costretto a un tagliando mensile”. E’ il commento di Luca Gaffuri, capogruppo del Pd nel Consiglio regionale lombardo, dopo l’incontro oggi al Pirellone tra il presidente della Giunta e i rappresentanti del Carroccio. “In questi ultimi mesi – scrive Gaffuri in una nota – la Lega ci aveva detto che se il Pdl non scaricava Monti avrebbe fatto cadere la Giunta. Poi si è impuntata sulla questione di Formigoni commissario generale dell’Expo. Ultima in ordine di tempo la sparata sulla scadenza elettorale che il Carroccio, fino a poche ore fa, voleva anticipare al 2013. Niente di tutto ciò. La Lega si ritira al nord e si attacca ancora più saldamente al potere lombardo, cercando di fare asse tra le tre grandi regioni in mano al centrodestra. Forse perchè sa che ridando la parola agli elettori rischia di perdere tutto”.

LEGA VS FORMIGONI – “L’ultimo desolante accordo tra Formigoni e la Lega Nord, andato in scena oggi – aggiunge il segretario metropolitano del Pd Roberto Cornelli -, appare un tentativo maldestro e grottesco di tenere in piedi il moribondo governo della Regione Lombardia. Ma questo tentativo di stare insieme solo per mantenere i posti di potere ha un prezzo altissimo che ricade sui cittadini lombardi”.

FORMIGONI RINUNCI ALL’EXPO’ – Quanto alla richiesta della Lega a Formigoni di rinunciare alla carica di commissario generale di Expo 2015, il consigliere regionale del Pd Franco Mirabelli ribadisce che il proprio partito è d’accordo, ma non capisce con quale atto il Carroccio espliciterà questa richiesta. “Il 17 luglio ci sarà una seduta di Consiglio regionale dedicata ad Expo: in quella occasione – scrive Mirabelli – noi presenteremo la mozione con la quale chiediamo a Formigoni di lasciare l`incarico. La Lega avrà due possibilità: non votare la nostra mozione e quindi continuare a sostenere Formigoni, ma in quel caso sappia che dovrà spiegare agli elettori perchè strilla sui giornali ma non morde in Aula, oppure presentare una sua mozione a cui ci accoderemo perchè a noi interessa il risultato, allontanare Formigoni da Expo”.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento