domenica, 20 maggio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

India: è al buio metà del Paese per boom di condizionatori
Pubblicato il 31-07-2012


L’India è stata nuovamente colpita oggi da un gigantesco blackout elettrico ancora più vasto di quello di ieri. Circa la metà del Paese è senza corrente e centinaia di minatori sono intrappolati in una miniera di carbone nell’est dell’India, nel Bengala occidentale. Particolarmente drammatica la situazione per i minatori: il governatore dello Stato del Bengala Occidentale, Mamata Banerjee, ha dichiarato che le autorità stanno «cercando di soccorrere i minatori, facendo il possibile per riavviare la corrente. Abbiamo bisogno di corrente per far funzionare gli ascensori delle miniere». Il governatore ha quindi precisato che sono «centinaia» i minatori intrappolati, dipendenti dell’azienda di Stato Eastern Coalfields Ltd che opera a Burdwan, situata a circa 180 chilometri a nord-ovest di Calcutta.

MINISTRO ENEGRIA: «DUE STATI HANNO SUPERATO LA CAPACITA’ DI APPROVVIGIONAMENTO» – Il ministro federale dell’energia, Sushilkumar Shinde, precisando che l’eventualità di un guasto di così ampia portata resta molto rara e difficilmente ripetibile, ha osservato che «due stati hanno superato le capacità di approvvigionamento autorizzato per le loro reti» causando così il blackout. La gravità della situazione è testimoniata da un portavoce della compagnia elettrica, la Powergrid Corporation of India. Naresh Kumar spiega: «le reti del nord, del nord-est e dell’est sono a terra ma stiamo lavorando per ripristinarne la funzionalità in tempi rapidi». A metà pomeriggio, tuttavia, la corrente è tornata solo per un limitato numero di utenti e si pensa che il ritorno alla normalità non sarà possibile prima della serata.

COLPITA ANCHE LA CAPITALE, SISTEMA STRESSATO DAI CONDIZIONATORI – Colpita pesantemente anche la capitale federale Nuova Delhi dove la metro è completamente ferma e molti passeggeri sono rimasti bloccati nei treni. La crisi del sistema elettrico ha interessato anche la gran parte del Bengala occidentale, Calcutta compresa. In tilt i servizi di trasporto, i telefoni e gli acquedotti, gli aeroporti e gli ospedali. «Le reti elettriche sono stressate dall’impennata della domanda estiva» ha detto il direttore generale della Northern Grid.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento