lunedì, 24 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Istruzione pubblica prima di tutto
Pubblicato il 05-07-2012


La Costituzione parla chiaro: i privati hanno il diritto di istituire scuole e istituti scolastici ma ‘senza oneri per lo Stato’, cioè senza contributi pubblici. Non è tempo di tagliare di 200 milioni di euro il fondo di finanziamento ordinario per università e istituti di ricerca, per erogarli alle scuole non statali. I possibili tagli al fondo ordinario universitario previsto dalla bozza di decreto della spending review non sono sostenibili. Consegnerei un portolano di comportamento al governo Monti: tagli negli eccessi in alcuni settori, nessun taglio sulle spese che servono a tenere in piedi il Paese, come sanità, istruzione, ricerca e servizi primari per i cittadini.

La spending review dovrebbe riguardare anzitutto le spese inutili e gli eccessi in alcuni settori, come quello militare. E Le risorse ricavate dovrebbero essere convogliate per finanziare servizi primari, investire sul lavoro e incentivare la spesa pubblica in un momento di forte debolezza sociale. Chiedere un altro sacrificio all’università (penalizzando quella pubblica, a favore di quella privata) rischia di diventare una mannaia per i nostri giovani, i primi a pagare una crisi di cui non sono responsabili. Il governo smentisca subito questa posizione.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento