domenica, 20 maggio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Vittorio Sgarbi: «Bene correre in ticket con una donna a patto che sia la Bonino»
Pubblicato il 13-07-2012


«Alfano e’ in condizioni psicologiche molto difficili perche’ e’ stato catapultato in un ruolo non suo e credo che abbia fatto un errore dopo le amministrative a dire che il Pdl aveva perso. Berlusconi si arrabbio’ tantissimo. Ieri a Palazzo Grazioli ha anche pianto». Parole al vetriolo quelle espresse questa mattina da Diego Volpe Pasini, intervistato da “La Zanzara” su Radio24 in qualità di ‘consulente’ di Silvio Berlusconi. Qualche ora dopo arriva la secca e piccata smentita da Palazzo Grazioli che disconosce Volpe Pasini in quanto consulente del Presidente Berlusconi e destituisce di ogni fondamento quanto da lui dichiarato oggi. Lo stesso Pasini, a stretto giro, ammette di aver esagerato. Il giallo politico rimane. Per dipanare la matassa l’Avanti!online ha cercato di fare chiarezza con Vittorio Sgarbi, vicino sia a Berlusconi che a Volpe Pasini nonché leader del movimento di area Pdl Partito della Rivoluzione.

Vittorio Sgarbi come sono andate veramente le cose?

Non so niente, se non che lui ieri sera non era con Berlusconi a Palazzo Grazioli. Pasini è una persona che lo frequenta e lo stima, lui più di altri è stato il massimo sostenitore della candidatura di Berlusconi. Tornando ad Alfano, va detto che lui ha perso le elezioni amministrative ed è evidente che non poteva essere candidato premier semmai rimane ad oggi il primo dei candidati candidabili alle primarie.

Berlusconi sarà il candidato del Pdl. Nell’ipotesi sempre più plausibile che il Popolo della libertà vada alle elezioni in coalizione, con chi correrà?

Penso alla Lega anche se è un’ipotesi ancora in forse, all’Udc sempre che si trovi un accordo con Casini oppure ai Radicali. In quel caso potrebbe non essere Berlusconi il candidato premier di coalizione. Parlando personalmente con l’ex premier ieri e oggi mi ha ribadito di non aver dichiarato nulla ai giornali e che tutto quello che avrei letto in questi giorni sarebbero state solo indiscrezioni.

Pur di vincere Berlusconi potrebbe fare un passo indietro e avallare un candidato di coalizione diverso da lui?

Beh sì, potrebbe fare un passo indietro, trattare sia col suo partito che con altri. E’ ancora tutto aperto, dipenderà anche dalla nuova legge elettorale.

Berlusconi che tipo di legge elettorale vorrebbe?

Lui preferisce la proporzionale alla tedesca con preferenze e sbarramento. Modello che potrebbe aprire all’ipotesi di un futuro governo con Monti presidente della Repubblica e Berlusconi candidato premier.

La Santanché ha lanciato l’idea di correre in ticket con una donna. Cosa ne pensa?

Penso che sarebbe una buona idea se la donna in questione fosse la Bonino, permettendo di allargare l’area del consenso. Rischieremmo di vincere.

Meglio la Bonino di Casini premier?

Assolutamente sì, lei garantirebbe una alleanza nuova, laica e liberale. Con Casini cosa avremmo?

Lucio Filipponio

Lucio Filipponio

@LucioFilipponio

More Posts

Follow Me:
DiggStumbleUpon

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo

Lascia un commento