venerdì, 25 maggio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Mercati: dopo le rassicurazioni di Draghi le borse europee spiccano il volo e lo spread si contrae di 45 punti
Pubblicato il 27-07-2012


Si preannunciava una giornata difficile, quella di ieri, ma in seguito alle dichiarazioni del presidente della Bce, Mario Draghi, le borse europee sono ripartite con slancio dopo gli ultimi giorni caratterizzati da grande volatilità e segni negativi. Milano e Madrid hanno registrato rialzi superiori al 5% mentre lo spread tra i titoli di Stato decennali italiani e gli omologhi Bund tedeschi – dopo i record degli ultimi giorni – si è ridotto, attestandosi a 473 punti con rendimenti dei Btp scesi al 6.05%. Le dichiarazioni di Mario Draghi hanno contribuito anche a far rialzare le quotazioni dell’euro che torna a 1,2295 rispetto al dollaro. Apertura positiva per Wall Street, con il Dow Jones che segna +0,87% e il Nasdaq +1,58%.LA MIGLIORE SEDUTA PER PIAZZA AFFARI – Per Piazza Affari la seduta di ieri rappresenta la migliore dal 2011 con un rialzo del Ftse Mib del 5,62% e dell’All Share del 5,25%. Con lo slancio di ieri la capitalizzazione di Piazza Affari recupera oltre 15,7 miliardi di euro e torna sopra i 300 miliardi, a 315,3 miliardi.

PERFORMANCE POSITIVA ANCHE PER LA SPAGNA – Il tasso di rendimento dei titoli spagnoli si è attestato al 6,95%, sotto la soglia di allarme del 7%, mentre lo spread tra i Bonos e i corrispettivi Bund tedeschi è tornato sotto quota 600, chiudendo a 562 punti.

LE DICHIARAZIONI DI MARIO DRAGHI – Il presidente della Bce, nel pomeriggio di ieri, aveva dichiarato che: «Siamo pronti a tutto per preservare l’Euro». La Banca centrale europea intende dunque intervenire in qualsiasi modo al fine di salvare la moneta unica. Il numero uno dell’Eurotower aveva inoltre sottolineato i «progressi» compiuti dalla zona dell’euro negli ultimi sei mesi aggiungendo che: «Non è possibile immaginare la possibilità che un paese esca dall’Eurozona»


Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento