domenica, 20 maggio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Per amore dell’Italia, Migliore (Sel): «Un’Europa sociale e lottare contro il populismo»
Pubblicato il 20-07-2012


 

«Credo che in questo momento dobbiamo sentire l’urgenza di costruire un’Europa sociale ed uno spirito europeo che è venuto a mancare. L’Europa attuale è troppo prona alle esigenze dei mercati». Così Gennaro Migliore di Sinistra ecologia e libertà intervenendo al meeting Per Amore dell’Italia promosso dal Partito Socialista Italiano e l’Associazione Spirito Libero che si sta svolgendo presso la Limonaia di Villa Strozzi a Firenze, ha dichiarato che è necessario riflettere sul bene dell’Italia e dell’Europa. «Credo che in questo momento dobbiamo sentire l’urgenza di costruire un’Europa sociale ed uno spirito europeo che è venuto a mancare. L’Europa attuale – ha proseguito Migliore – è troppo prona alle esigenze dei mercati». La recente dichiarazione del Ministro spagnolo è stata importante: «Senza intervento della Bce non si sarebbe arginato l’incendio che stava per devastare il Paese spagnolo».

L’ESIGENZA DI UN’EUROPA E DI UNO SPIRITO EUROPEO – «È necessaria una reazione dal basso contro queste politiche che in maniera equivoca pongono la distanza tra un Nord austero e un Sud spendaccione» ha sottolineato Migliore. «Si sta correndo il rischio dell’affermazione del comando ad un solo uomo e la società è allo stato d’emergenza e l’emergenza è il momento in cui la democrazia corre i maggiori rischi. Bisogna dunque procedere ad un processo di risanamento. Bisogna poi porre l’attenzione sull’importanza di una Europa sociale, dopo l’ubriacatura liberista che ha sconfitto l’ipotesi una sinistra riformatrice» ha poi spiegato Migliore.

IL PRINCIPIO DI EGUAGLIANZA E LA LOTTA AL POPULISMO – Dobbiamo definire strategie ed alleanze che uniscano riforme che danno qualcosa e che non solo tolgono diritti come negli ultimi anni. Anzitutto dobbiamo lottare contro il populismo, ovunque sia manifestato. Il populismo è una stretta e diretta derivazione del liberismo che sottrae la dimensione democratica.  Gli ultimi dati dell’Istat sulla povertà evidenziano che il fenomeno necessita un intervento «con una misura anche legislativa che aumenti i salari soprattutto dei redditi più bassi» ha poi dichiarato l’esponente del Sel. «Dobbiamo allearci con chi ha vinto, dobbiamo essere capaci di essere fuori dai trucchi, dai politicismi. Dobbiamo rappresentare le forze che intendono cambiare questo Paese» ha poi concluso.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento