martedì, 11 dicembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Per amore dell’Italia, Marco Di Lello (Psi): «L’Italia va ricostruita e dobbiamo farlo noi»
Pubblicato il 20-07-2012


«Se volessimo creare una sintesi di questa giornata, potremmo dire che questa Italia va cambiata». A dichiararlo è stato Marco Di Lello, coordinatore nazionale del Psi, durante il meeting Per Amore dell’Italia promosso dal Partito Socialista Italiano e l’Associazione Spirito Libero che si sta svolgendo presso la Limonaia di Villa Strozzi a Firenze. «L’Italia di oggi va ricostruita, e dobbiamo farlo noi. Noi socialisti, noi Sel, noi Pd, noi Udc, lasciatemelo dire: non facciamoci del male con veti reciproci, abbiamo bisogno di una larga base sociale» ha detto Di Lello.

LA CRISI NON SI RISOLVERA’ IN SEI MESI – «Ci sono diversi modi per affrontare la crisi: come Berlusconi, fingendo di non vedere, oppure ridistribuendo la ricchezza: quel poco di ricchezza che c’è va ridistribuita. Siamo passati dal sorriso falso dell’ex premier alle lacrime di oggi, vere, umide» ha sottolineato Di Lello.

CALCIO MERCATO E LAVORO VERO – Sulla questione cruciale della fiscalità e sul modo di distruibire il peso della crisi, Di Lello ha fatto l’esempio del calcio-mercato, un argomento in questi giorni presente su tutti i quotidiani. In particolare ha fatto riferimento al “caso Ibrahimovic”. «Il giocatore ceduto dal Milan e passato al Paris Saint Germain guadagnava 10 milioni, ora ne guadagnerà 15. Ma prima ne pagava 5 di tasse, ora 11.  A Parigi – ha continuato l’esponente del Psi – c’è un Presidente socialista che ha capito che con le tasse di gente come Ibrahimovic si potrà tenere qualche tribunale o asilo in più aperto».

RISORSE DA GUARDARE E NON TOCCARE – Il coordinatore nazionale del Psi ha poi ricordato la difficoltà per tanti amministratori locali di far quadrare i conti nell’impossibilità di fornire i necessari servizi. «Esistono risorse che si possono guardare e non toccare. E questo è assurdo – ha poi aggiunto Di Lello – Infine dobbiamo dire con forza che l’Europa è chiamata a solidarizzare anche il debito».

ATTACCO A MONTI  «Si taglia, finti risparmi e veri disagi per i cittadini: il rischio – ha concluso il coordinatore del Psi – è che la questione sociale venga meno. Bisogna amare il Paese con passione e forza. L’Italia sta perdendo le energie migliori che vanno sfruttate al meglio. L’Italia è da cambiare e lo faremo senza sosta proponendo idee e soluzioni».

Silvia Sequi

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento