martedì, 22 maggio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Per amore dell’Italia, Stefano Fassina (Pd): «Iniziativa di oggi nella direzione giusta per un’alleanza»
Pubblicato il 20-07-2012


«È evidente che il termine crisi non è adeguato a descrivere la fase che stiamo attraversando» dice dal palco del meeting Per Amore dell’Italia Stefano Fassina, responsabile economia del Pd. In un contesto difficile come il nostro le forze progressiste devono innanzitutto «interpretare la fase difficile che attraversiamo e con quella misurarsi» ha sottolineato con forza Fassina perché, continua, «o le forze progressiste cambiano rotta alla politica economica europea o continueremo ad illuderci che un semplice cambiamento di governo risolva i problemi».

LE POLITCHE CONSERVATRICI HANNO PORTATO SU UNA ROTTA SBAGLIATA – Per Fassina l’area dell’Euro è su una rotta sbagliata e «Monti oggi ha continuato a dire che l’incertezza del quadro politico è data dal contagio che la Spagna può estendere sull’Europa ma dobbiamo capire che lo spread aumenta perché sono sbagliate le politiche economiche proposte dagli schieramenti conservatori che credono di curare la malattia attraverso un’ulteriore svalutazione del lavoro»: ma il responsabile dell’economia del Pd afferma «che non si può curare la malattia con la stessa medicina che l’ha causata».

INIZIATIVA DI OGGI DEL PSI NELLA DIREZIONE GIUSTA PER UN’ALLEANZA- «L’iniziativa di oggi va nella giusta direzione dell’unità delle forze che devono interpretare i cambiamenti. Quella di oggi è una straordinaria opportunità per fare un passo avanti in una rigenerazione dei nostri partiti come condizione necessaria per promuovere riforme efficaci e un cambiamento di rotta».

IDV E DI PIETRO NON COMPATIBILI CON ALLEANZA – «Mi pare che l’Idv, con Di Pietro, abbia atteggiamenti sempre meno compatibili con una grande forza progressista di governo», ha affermato Fassina sottolineando che «L’attacco alle istituzioni ripetuto quotidianamente non può favorire un’alleanza col Pd». Secondo Fassina «per quanto riguarda Ferrero, mi pare che abbia escluso la prospettiva del governo: per cui ritengo che l’ambito dei progressisti vada potenzialmente a contenere oltre a noi sicuramente Sel, il Psi, e poi dobbiamo allargare e approfondire il nostro rapporto con la società perché da là può venire quella forza che serve a fare il salto di qualità».

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento