mercoledì, 20 giugno 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Per la prossima stagione tornano colori e stampe anni ’60, ma lo spirito è quello dei dandy ottocenteschi
Pubblicato il 16-07-2012


Come ogni anno non si fa in tempo a trascorrere l’estate, questa volta davvero calda tra Minosse, Caronte e tutti i bollenti spiriti della mitologia classica, che la moda inizia già a guardare a quelle che saranno le novità per l’autunno e l’inverno. Se fino a qualche mese fa gli anni ’20 tenevano le redini della creatività degli stylist, sembra che la stagione autunno/inverno 2012-2013 faccia un balzo in avanti di quarant’anni, un po’ come Michael J. Fox in Ritorno al futuro. L’andirivieni del fashion, tra spunti, ispirazioni e (ri)proposte, questa volta giungerà ai Sixties, i mitici anni ’60. Ma nella confusione del viaggio nel passato, tra stampe optical e colori dell’era di Woodstock, i modelli anni ’60 incontrano il fascino dei dandy.

PAUL SMITH: CORALLO, MARRONE E STAMPE OPTICAL – Come era già stato annunciato, quest’inverno le stampe geometriche domineranno i guardaroba. Di ispirazione anni ’60 e ’70 la collezione donna Prada per l’autunno inverno 2012-2013, la cui campagna pubblicitaria è stata firmata dal fotografo delle star (e di Vogue) Steven Meisel. Tra passato e futuro si recuperano le atmosfere di Woodstock anche per gli uomini: Paul Smith propone per i capi maschili colori come il rosso, soprattutto nelle tinte corallo, le nuance salmone, un ritorno deciso al terra di Siena senza dimenticare il blu elettrico e, ovviamente, il tripudio di stampe optical.

GUCCI TRA MODELLI E COLORI DEI SIXTIES – Anche Gucci, nella nuova collezione donna per il prossimo autunno e inverno, recupera accostamenti di colori anni ‘60: tutta la palette dei marroni, dal più chiaro “cammello” fino al testa di moro. I pantaloni, lasciati alle spalle modelli skinny, scendono morbidi o si fermano più spesso alla caviglia fino alla lunghezza “pinocchietto”. Le nuance di marrone per gli abiti di Gucci, sfatano il falso mito dell’accostamento spesso bocciato con il nero, e insieme al tubino color cammello con cappa dal taglio anni ’60, tra punto vita spostato sempre più in alto la lunghezza fino al ginocchio e le maniche larghe (forse anche troppo retrò), la Maison propone dei guanti lunghi neri che non lasciano neanche un centimetro di pelle nuda e dei decolletè a mocassino con tacco alto e nappina, sempre neri. Anche per la nota griffe italiana un altro colore della prossima stagione invernale è il rosso nelle tonalità dal corallo a quelle più scure.

DANDY ANNI ’60 PER MIU MIU – Dandy moderni e anni ’60: il mix andrà di moda e tra look maschili e colori audaci, i modelli si reinventano battezzando il ritorno (non gradito proprio a tutte) degli abiti ed accessori in pelle, soprattutto nei capi più aderenti come gonne o top. La moda detta legge anche nei look che, per la donna del 2012-2013, è da dandy. Una donna androgina e chic come la nuova testimonial di Miu Miu Chloë Sevigny, perfetta nei panni di un dandy moderno che Miuccia Prada immagina con dei morbidi pantaloni dalle stampe blu su fondo giallo, una camicia nera dal colletto ampio e chiuso fino all’ultimo bottone dal quale spunta una cravatta a scacchi oro e bordeaux. I tacchi sono nel perfetto stile Miu Miu degli ultimi anni, recuperando modelli come le stringate ancora una volta elaborate e riproposte in chiave moderna, con un grosso tacco molto alto e la scelta di un materiale argentato e all’avanguardia, per un Oscar Wilde al femminile e contaminato dagli anni ’60 che, nonostante la confusione di stili, piace molto ai creativi del fashion.

Vittoria de Petra

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento