martedì, 22 maggio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Roma quanto sei Brit! Un week end con Morrissey, i Cure e Paul Weller
Pubblicato il 06-07-2012


Real week end sotto la benedizione della regina tra i palchi della musica romana. Ed anche se loro non hanno mai ammesso di amare la monarchia, un trittico d’eccezzione come quello formato da i Cure, Morrissey e Paul Weller si appresta ad infuocare le platee capitoline. Uno spaccato della storia della musica britannica, e quindi anche mondiale, che sarà protagonista di tre giorni di grande musica per i ben educati giovani amanti di musica romani. Ad aprire le danza sarà Steven Patrick Morrissey, sabato 7 luglio all’Auditorium Parco della Musica: leader storico degli Smiths, Morrissey è considerato una leggenda vivente, poeta lirico, padre dell’indie monderno a detta di molti.

L’inizio della sua popolarità è da ricercare agli albori degli anni ’80 nel bollente calderone della scena mancuniana quando con Johnny Marr fonda i mitici The Smiths, band che sfornerà solo quattro album ma che li manderà di diritto nell’olimpo delle migliori band della storia. Dal 1987 con “Viva Hate” Morrissey intraprende la carriera da solista, scrivendo alcune tra le più belle pagine dell’indie pop made in UK. L’artista inglese eseguirà a Roma i brani di maggior successo della sua carriera. Il 9 luglio invece sarà la volta dei Cure: la band di Robert Smith salirà infatti sul palco dell’Ippodromo Le Capannelle di Roma per uno storico concerto che come sempre non deluderà i numerosissimi fan capitolini. Sulle scene dalla fine degli anni ’70 e con oltre dieci album registrati in studio, la band capeggiata dal mitico Robert Smith infiammerà la platea per oltre due ore e mezzo di concerto, spaziando dai brani più pop e commerciali della loro produzioni, sino ad autentiche perle new wave e post punk che li hanno resi immortali nei decenni.

Ad aprire il concerto dei Cure, un mini festival con le esibizioni sul palco degli italiani Denimor, Paolo Benvegnù, ex voce degli Scisma, i The Cranes, e dell’amatissimo duo canadese elettropop dei Crystal Castles. A chiudere la tre giorni di eventi, forse il concerto più atteso: il ritorno a Roma del ”Modfather”, il papà del Brit pop, un’icona vivente: Paul Weller sarà infatti il 10 luglio sul palco dell’ Atlantico Live per presentare il suo ultimo lavoro ”Sonic Kicks”. Già leader degli Jam e degli Style Council, “Sonic Kicks” è la sua undicesima fatica da solista che vanta anche le collaborazioni di  Noel Gallagher (Oasis) e Graham Coxon (Blur).

Nel tour, Paul Weller, accompagnato dalla sua band (nella quale fra gli altri troviamo Steve Cradock, suo storico collaboratore), ha solo l’imbarazzo della scelta per quanto riguarda il repertorio, che frequentemente cambia da un concerto all’altro. Aspettiamoci quindi di ascoltare brani indimenticabili come “The Modern World”, “You Do Something To Me”, “My Ever Changing Moods”, “Wild Wood” e “Town Called Malice”. Come tutti i grandi artisti ben sanno, Roma abbonda di amanti di buona musica, ed anche questo week end non rimarranno delusi.

Paco Cianci

Scrittore - InterRail: italiani prove di fuga!

More Posts

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento