venerdì, 17 agosto 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Sciopero trasporti, Roma nel caos. L’Atac:«Adesione al 50%»
Pubblicato il 06-07-2012


La Capitale e buona parte del Lazio si sono svegliati nel caos questa mattina a causa dello stop del trasporto pubblico proclamato dai sindacati confederali. Dalle 8 e trenta di questa mattina sono chiuse le metro A, B e B1 con cancellazioni di bus e tram. I sindacati protestano per il mancato rinnovo del contratto da 4 anni. L’Agenzia per la mobilità di Roma informa, in una nota, che «secondo quanto rilevato da Atac, alle ore 11 l’adesione dei lavoratori allo sciopero del Trasporto pubblico locale è stata del 50 per cento».

SINDACATI CONFEDERALI IN SCIOPERO PER 24 ORE, FAST CONFSAL 8 ORE – Filt Cgil, Fit Cisl, Uil Trasporti e Ugl Trasporti avevano confermato due giorni fa lo sciopero di 24 ore che sta interessando tutte le aziende pubbliche e private del trasporto pubblico locale della Regione Lazio. Nella stessa giornata, una seconda protesta, di 8 ore, è stata proclamata dal sindacato Fast Confsal.

I DISAGI – Bloccate tutte le linee di bus e tram urbane ed extraurbane oltre che i collegamenti delle linee della metropolitana e quelli ferroviari della Roma-Lido, della Termini-Giardinetti e Roma-Civita Castellana-Viterbo. Garantiti i servizi durante le fasce orarie protette: lo sciopero sarà attuato dalle 8.30 alle 17 e dalle 20 a fine servizio. Una forte riduzione del servizio, potrà riguardare i collegamenti notturni tra oggi e domani. Lo sciopero di 8 ore proclamato da Fast Confsal riguarderà tutte le aziende del trasporto pubblico locale di Roma e Lazio nella fascia oraria compresa tra le 8.30 e le 16.30 (ad esclusione di Cotral SpA e Cotral Patrimonio che sciopereranno per 4 ore dalle 12.30 alle 16.30).

APPELLO ISTITUZIONI: CI STIAMO IMPEGNANDO, EVITIAMO I DISAGI – Regione Lazio, Provincia di Roma e Roma Capitale hanno lanciato, ieri, un appello ai sindacati «al fine di differire lo sciopero indetto nelle aziende pubbliche e private del Tpl nel Lazio». In una lettera inviata alle organizzazioni sindacali, le istituzioni hanno ribadito che c’è un forte impegno «ad affrontare con tempistica definita le criticità relative al Tpl regionale». Regione Lazio, Provincia di Roma e Roma Capitale hanno chiesto di non «lasciare nulla di intentato per evitare i gravi disagi alla cittadinanza e i conseguenti costi economici che un’azione di sciopero dei trasporti comporterebbe».


Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento