sabato, 22 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Terremoto alle porte di Roma: il sismologo dell’Ingv, non abbassare la guardia
Pubblicato il 10-07-2012


Dopo la tragedia che ha colpito L’Aquila e il recente terremoto in Emilia, con il suo carico di vittime, è facile che una scossa riacceda la paura. La terra ha tremato anche ieri nei pressi di Roma, con epicentro ai Castelli Romani e la scossa è stata avvertita anche in alcuni quartieri della Capitale: ma questa volta non ci sono stati danni a persone o cose. I Vigili del Fuoco intervenuti nelle zone colpite hanno constatato l’assenza di pericoli e tutti hanno potuto tirare un sospiro di sollievo.

IL SISMOLOGO SALVATORE BARBA: «NON ABBASSIAMO LA GUARDIA» Pur non potendo escludere ulteriori movimenti tellurici non desta grande preoccupazione quanto accaduto ieri. Ma in un Paese come l’Italia è importante tenere alta la soglia d’allerta. Troppi gli esempi a ricordarci quanto, spesso, le vittime non siano da imputarsi al terremoto stesso, ma all’imperizia, alla superficialità o, peggio, alla speculazione edilizia. Per questo il sismologo dell’Ingv Salvatore Barba, intervistato dall’Avanti!online, ha ricordato che un episodio come questo potrebbe rappresentare unp stimolo per i cittadini a «verificare lo stato delle proprie abitazioni».

Quasi contemporaneamente a quelle di Frascati si sono registrate scosse anche in Sicilia e in Grecia, sono da ritenersi collegate?

No. In generale si può stabilire una correlazione solo su piccole distanze, più o meno 10 km, ma per eventi che si producono in aree così distanti non c’è correlazione. Roma dunque non c’entra con la Sicilia.

Si tratta di uno sciame o di un episodio singolo?

Fino ad ora abbiamo rilevato un evento sismico unico, si è trattato di una singola scossa. Il risentimento è stato abbastanza alto perché stiamo parlando di una zona densamente popolata e, per questo, il terremoto è stato avvertito da una fetta importante di popolazione. La magnitudo è stata intorno ai 4.5 gradi della Richter in prossimità dell’epicentro, per scendere fino ai 3.5 in alcune zone di Roma dove, vista l’estensione della città, si è avvertito differentemente a seconda del quartiere.

Quindi non si possono escludere altre scosse?

Al momento, pur trattandosi di un episodio singolo, non si può escludere che nelle prossime ore si producano altre scosse. Ricordo che a cavallo fra gli anni ’80 e ’90 si è generata, proprio nella zona in prossimità fra Colli Albani e Castel Gandolfo, una sequenza che è continuata per più di un anno con scosse fino a 5 gradi della Richter.

Ma cosa ha scatenato questo terremoto?

Si tratta sicuramente di un movimento di faglie, considerata la profondità dell’epicentro e il fatto che nella maggior parte dei casi hanno origine proprio così, a meno che non si producano a basse profondità. In quella zona ce ne sono di molto profonde che, proprio per questo, non sono molto monitorate.

Siete in contatto con la Protezione civile?

Certo, siamo in contatto con loro e con i Vigili del Fuoco per ogni evenienza e per poter mettere al servizio le informazioni dell’Istituto in modo da coordinare eventuali soccorsi.

Che consiglio darebbe ai cittadini?

Non dobbiamo dimenticare che tutto il territorio del nostro Paese è da considerarsi zona sismica e, pertanto, è opportuno tenere sempre alta la guardia.  È importante che i cittadini verifichino la capacità antisismica della propria abitazione ed eventualmente metterle a norma perché, in passato, non sempre si è prestata la necessaria attenzione al momento di costruire le case.

Roberto Capocelli

Roberto Capocelli

Roberto Capocelli

@robbocap

More Posts

Follow Me:
DiggStumbleUpon

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento