E’ morto il cardinal Martini. Testimone di Dio che credeva nell’Uomo

Era considerato un propulsore dell’ecumenismo e del dialogo con le altre religioni, a cominciare dall’Ebraismo. Esperto biblista, autore di molti libri e scritti, il cardinal Martini, pur essendo uomo dalla profonda cultura aveva una profonda capacità di parlare alle folle e di attirare i giovani. Una figura aperta al cambiamento. Tutto questo è stato il cardinale Carlo Maria Martini, che si è spento oggi all’età di 85 anni. La Chiesa perde un suo uomo di fede e di progresso, in grado di volgere lo sguardo verso le istanze e i problemi più vivi della società e dell’uomo. Continua a leggere

Romney: «L’America ha bisogno di tanto lavoro», ma la vera star è stata Clint Eastwood

«Con umiltà e commozione per la fiducia» in lui riposta, Mitt Romney ha accettato ieri la nomination per la presidenza degli Stati uniti d’America. «Basta con le delusioni di questi ultimi quattro anni. È tempo che ci riprendiamo la promessa che noi chiamiamo America», ha dichiarato nell’intervento conclusivo della convention repubblicana al Tampa Bay Times Forum, in Florida. Il regista Clint Eastwood ha mandato in delirio la platea, inscendando un siparietto – fingendo di intervistare Obama – rivolgendosi a una sedia vuota. Continua a leggere

Questo campionato sarà una farsa

Torna il calcio giocato, restano le polemiche. Anzi, aumentano a dismisura. La finale agli europei non ha placato gli animi. Le sentenze della giustizia sportiva hanno peggiorato la situazione invece di risolverla. E, a ben vedere ripartiamo esattamente da dove c’eravamo fermati. Ma perché? Cerchiamo di dare una risposta. Sul campo la Juve di Conte s’è guadagnato uno scudetto sacrosanto, sul campo ha perso meritatamente la Coppa Italia. Poi è arrivata “scommessopoli” col suo carico di accuse, indagini, processi e sentenze. E l’attenzione di tutti è scivolata sulla cosiddetta giustizia sportiva. Scatenando la solita baraonda di azioni e reazioni a catena. E chi c’era al centro dell’uragano? Manco a farlo apposta, la Juve. Continua a leggere

Su mani pulite si faccia luce

Se non si scioglieranno i nodi che hanno fatto fallire la I Repubblica, l’Italia uscirà con gravi perdite dalla crisi attuale. L’intervista postuma su ‘La Stampa’ a Reginald Bartholomew,ex ambasciatore americano in Italia, e quella a Peter Semler, ex console Usa a Milano, sono chiare. Ci sono rivelazioni sui rapporti tra diplomazia americana in Italia e il pool di magistrati milanesi degli anni  ‘92 – ‘94. Continua a leggere

Fede e lo slogan del suo movimento politico “Vogliamo Vivere”: «Quanta demagogia su questi giovani. Serve esperienza»

Dopo sessant’anni di carriera giornalistica, Emilio Fede, ha deciso. Scende in campo, proprio come disse il suo leader e amico Silvio Berlusconi, ed entra in politica. Lo scorso marzo, in seguito ad una trattativa con Mediaset non andata a buon fine – il giornalista e scrittore ha detto addio all’azienda e a diciannove anni di conduzione del Tg4. L’ex direttore intende lanciare la sua idea con circa un migliaio di manifesti nelle grandi città – in attesa dei risultati dei sondaggi – in base ai quali deciderà se procedere o no. Sulla necessità del Paese di avere una classe dirigente più giovane, Fede non è propriamente d’accordo. «Basta con questa retorica dei giovani. Serve esperienza», ha dichiarato all’Avanti! Continua a leggere

Berlusconi, il Cavaliere cade a Villa Certosa

Rovinosa caduta per l’ex presidente del consiglio Silvio Berlusconi, in vacanza a villa Certosa vicino a Porto Rotondo. Nel pomeriggio – secondo La Nuova Sardegna – il Cavaliere sarebbe caduto a terra pesantemente mentre girava per il grandissimo parco della Certosa causandosi la lussazione di una spalla, di un polso e alcune contusioni di poco conto. Sono escluse, fino a verifiche radiologiche probabili nelle prossime ore, fratture. I primi soccorsi a Berlusconi sono stati prestati da Giorgio Puricelli – uno dei fisioterapisti del Milan e consigliere regionale lombardo del Pdl – che si trovava nella villa dell’ex premier. Continua a leggere

DOPO IL BLITZ DEI LAVORATORI, TROVATO L’ACCORDO DEL SULCIS CON IL MINISTRO PASSERA. LA MINIERA NON CHIUDERA’ A FINE ANNO

La miniera del Sulcis non chiuderà il 31 dicembre. Questo l’esito dell’incontro tra Governo, Regione e Provincia al ministero dello Sviluppo economico dove era presente anche il ministro Corrado Passera con il sottosegretario Claudio De Vincenti e il presidente della Regione Sardegna Ugo Cappellacci. “Si è deciso di rivedere il progetto – spiega una nota del ministero – per aggiornarlo e renderlo compatibile con le migliori tecnologie ed economicamente sostenibile. A tal fine si è  deciso di proporre al Parlamento la proroga della scadenza prevista dalla legge 99/2009 per il bando di affidamento della relativa concessione. L’attività mineraria non subirà la paventata interruzione al 31 dicembre”. La mattinata è stata scandita da diversi momenti di tensione davanti alla sede del ministero dello Sviluppo economico di via Molise a Roma dove è in corso la protesta dei lavoratori di Alcoa. Davanti al cancello della sede del ministero è stato sparato un petardo mentre un gruppo di lavoratori si è arrampicato al cancello di ingresso del ministero che è chiuso e protetto dalle forze dell’ordine in assetto antisommossa. Via Molise e le strade circostanti sono presidiate della forze dell’ordine. I lavoratori gridano “lavoro, sviluppo, occupazione”. Continua a leggere

Che fine farà l’Istituto degli Studi Filosofici di Napoli. Il fondatore Marotta: la Regione vuole mettere le mani sui nostri finanziamenti

Per quante volte intellettuali, tecnici e politici di primo piano hanno fatto propria la frase “Napoli capitale della cultura”, per altrettante hanno lavorato nella direzione opposta, contribuendo allo svilimento di un patrimonio e di un’identità unici. Ne è una testimonianza, evidente quanto amara, la vicenda che da decenni vede protagonista l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli e che in queste ore sta rischiando di andare alla deriva. “Con una delibera a mio parere ‘illegale’ della Regione Campania si è deciso di affiancare al Fondo di volumi antichi costituito nei decenni, il deposito di libri che la Regione riceve in omaggio, testi effimeri che parlano di burraco o di come si preparano i cocktail”, con queste parole cariche di rabbia il fondatore dell’Istituto, l’avvocato Gerardo Marotta, denuncia all’Avanti! gli strani disegni che alcuni amministratori pubblici sembra stiano mettendo in pratica a discapito, innanzitutto, della “Napoli capitale della cultura”, ridotta a luogo comune e non di sapere. Continua a leggere

Sulcis, ancora tensione: due operai scendono -400 metri. Ma poi desistono

Nuovo gesto di protesta da parte dei minatori del Sulcis, barricati da sei giorni, nella miniera di Nuraxi Figus, nel Comune di Gonnesa. Ieri, due lavoratori sono scesi a 400 metri sotto il livello del mare, asserragliandosi nel pozzo, ma sono stati convinti a rinunciare al gesto, ritenuto estremamente pericoloso. Sale ancora dunque la tensione dopo il clamoroso gesto da parte del delegato sindacale Stefano Meletti che mercoledì scorso – durante un incontro coi giornalisti – si è tagliato un polso in segno di contestazione. Oggi è previsto – a Roma – un vertice al ministero dello Sviluppo Economico tra Regione, Provincia, azienda e sindacati, a sostegno del progetto integrato CCS Sulcis. Continua a leggere