mercoledì, 23 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Ilva, dossier choc dell’Inail: 1.500 denunce di malattia professionale
Pubblicato il 02-08-2012


È un dossier choc quello presentato dall’Inail sullo stabilimento Ilva di Taranto, sottoposto a sequestro senza facoltà d’uso dalla magistratura sabato scorso: 1.500 malattie professionalmente denunciate, di cui 458 indennizzate tra il 2000 e il 2010. In merito all’esposizione all’amianto, le indagini condotte dalla Contarp dell’Inail (la Consulenza Tecnica Accertamento Rischi e Prevenzione) negli anni 1996-2000, gli accertamenti presuntivi hanno riconosciuto come il 30% dei lavoratori impegnati nei reparti produttivi siano stati maggiormente esposti. Nel frattempo a temere per il proprio lavoro sono 5.000 operai dell’acciaieria.

LA MORTALITÀ RILEVATA NELLA POPOLAZIONE DEL SITO DI TARANTO – Nella popolazione residente nel sito di Taranto si sono osservati «eccessi significativi di mortalità per tutte le cause e per il complesso delle patologie tumorali, per singoli tumori e per importanti patologie non tumorali, quali le malattie del sistema circolatorio, del sistema respiratorio e dell’apparato digerente, prefigurando quindi un quadro di mortalità molto critico» è quanto emerso dal progetto “Sentieri”, lo studio epidemiologico nazionale dei territori e insediamenti esposti a rischio inquinamento che riguarda l’analisi della mortalità delle popolazioni residenti in prossimità di una serie di grandi centri industriali attivi o dismessi, o di aree oggetto di smaltimento di rifiuti industriali e/o pericolosi. Sempre secondo lo stesso studio – coordinato dall’Istituto Superiore di Sanità e dall’Organizzazione mondiale della Sanità – «gli incrementi della mortalità osservata, rispetto a quella attesa, interessano in modo rilevante anche la popolazione femminile, oltre a quella maschile».

LA MANIFESTAZIONE DI OGGI DEI LAVORATORI – Questa mattina è prevista in piazza la mobilitazione generale che vedrà la presenza dei sindacati confederali e dei lavoratori del siderurgico. Alla mobilitazione parteciperanno Raffaele Bonanni, Luigi Angeletti e Susanna Camusso.

IL COMMENTO DEL MINISTRO FORNERO – Il ministro del Lavoro Elsa Fornero in un intervento al “Cortona Mix Festival” ha dichiarato che: «Non possiamo cancellare l’Ilva come se fosse niente perchè forse continua ad inquinare ambiente ed acqua. Dobbiamo avere risposte scientifiche», aggiungendo però che «la magistratura deve fare il suo corso» e l’esecutivo deve mantenere l’equilibrio «tra l’esigenze delle persone, dei lavoratori, e la necessità di preservare l’ambiente – ha poi continuato – ma non possiamo non ricordarci che l’Ilva e Taranto erano il sogno del Mezzogiorno, dell’industrializzazione che non era più solo al nord, ma anche al sud».

Silvia Sequi

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento