mercoledì, 18 ottobre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Impasse diplomatica sul caso Assange, intanto la sorveglianza inglese costa 50.000 sterline al giorno
Pubblicato il 18-08-2012


Asserragliato in una cameretta dell’ambasciata dell’Ecuador a Londra, Julian Assange si dice pronto a deporre davanti ai magistrati svedesi in videoconferenza. La primula rossa di Wikileaks parlerà dopodomani ai suoi sostenitori. Sara’ probabilmente costretto a farlo da una finestra o in collegamento video perché se dovesse lasciare l’edificio che gode dell’extraterritorialità verrebbe immediatamente arrestato da Scotland Yard.

CAMERON DALLA SPAGNA CHIEDE DI ABBASSARE I TONI SULLA CRISI DIPLOMATICA – Intanto dalla Spagna, dove entrambi sono in vacanza, il primo ministro David Cameron e il suo numero due Nick Clegg avvertono il capo del Foreign Office, William Hague, che deve moderare i toni. «Calma e abbassiamo i toni», sembra essere il messaggio dei vertici del governo britannico a Hague, rimasto a Londra per gestire gli affari del Regno Unito. E’ la seconda estate di seguito che una crisi importante sorprende in vacanza il governo di Sua Maestà: l’anno scorso Cameron fu costretto a rientrare d’urgenza dalla Toscana per far fronte ai riots che stavano mettendo Londra a ferro e fuoco.

LA SORVEGLIANZA DI ASSANGE COSTA 50000£ AL GIORNO AI CONTRIBUENTI INGLESI – Julian Assange «ha passato una buona notte» nell’ufficetto-dormitorio, ha raccontato una fonte dell’ambasciata ecuadoregna che si trova alle spalle di Harrods, in una palazzina che ospita anche la missione colombiana e gli appartamenti di membri della famiglia reale saudita. Il fondatore di Wikileaks è, da due mesi, guardato a vista da Scotland Yard che presidia tutti gli ingressi della sede diplomatica, gli ascensori e l’accesso al tetto, con una spesa per il contribuente britannico, stimata dal Daily Mail, intorno alle 50 mila sterline al giorno.

LA PARTITA A SCACCHI – Gran Bretagna e Ecuador si sono infilati da ieri in una partita a scacchi in cui il fattore tempo gioca un ruolo essenziale: l’impasse potrebbe durare mesi se non anni. «Basta che i britannici aspettino con Scotland Yard fuori dalla porta e prima o poi o Assange o gli ecuadoregni si stancheranno», ha commentato al Financial Times Carl Gardner, un ex avvocato del governo. Nonostante gli ammonimenti arrivati a Londra dal ministero degli Esteri russo e la mozione depositata dall’Ecuador all’Organizzazione degli Stati Americani di Washington, il caso Assange sembra sia entrato in una fase di stallo.

ASSANGE TEME LA PENA DI MORTE NEGLI USA – Il capo di Wikileaks teme di finire dalla Svezia negli Stati Uniti dove rischia di essere incriminarlo per tradimento e, per tanto, condannato a morte. Ma indubbiamente per l’hacker australiano, la cui parola più usata  è stata finora “libertà”, la situazione di questi giorni  è più simile ad una prigione dorata a tempo indeterminato: Assange da due mesi non mette piede fuori dall’ambasciata e la polizia ispeziona addirittura i pasti ‘take-away’ a lui destinati. Nella sua camera i funzionari del governo del presidente Rafael Correa hanno allestito un angolo con una lampada solare e un tapis-roulant per fare un po’ di esercizio.

Roberto Capocelli

Roberto Capocelli

Roberto Capocelli

@robbocap

More Posts

Follow Me:
DiggStumbleUpon

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento