venerdì, 24 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Londra: i forzati delle gare tra svenimenti, collassi e vomito
Pubblicato il 10-08-2012


Jonathan Browlee coperto di ghiaccio dopo un collasso al traguardo del triathlon. Chris Hoy piegato dal dolore durante un allenamento. Perfino Usain Bolt che vomita mentre si prepara per le gare dei Giochi. ‘No pain no gain’: il luccichio di ogni medaglia, gli applausi di ogni record nascondono sacrifici e sofferenze. E non e’ un luogo comune. Svenimenti, collassi, attacchi di vomito, e a volte si rischia la vita: negli ultimi due campionati mondiali di nuoto di fondo diversi atleti sono stati salvati mentre arrancavano per la stanchezza e nel 2010 a Dubai l’americano Fran Crippen ci ha rimesso la vita.

ANCHE BOLT ‘TORTURATO’ DAI MEDICI  – La ricerca degli estremi dei limiti umani e’ una delle attrazioni delle Olimpiadi, ha detto Lord Moynihan, presidente della British Olympic Association. Ma raggiungere questi estremi ha un prezzo che non tutti sono in grado di sopportare. ‘Un medico tedesco mi ha fatto il check-up, poi ha dato luce verde ai miei coach di ‘torturarmi’, ha confessato la ‘saetta’ Bolt che una troupe televisiva ha ripreso mentre vomitava dopo una serie di sprint di allenamento particolarmente intensi.

HOY: “ACCARTOCCIATO SUL PAVIMENTO DAL DOLORE” – Al Velodromo stessa storia che sui campi di atletica: il britannico Sir Chris Hoy, che ha conquistato la sua sesta medaglia d’oro, ha raccontato che gli allenamenti lo hanno lasciato ‘accartocciato sul pavimento’ per il dolore: ‘Ci sono training davvero terribili, in cui il dolore e’ cosi’ acuto. La gara a volte e’ molto piu’ facile di quello che soffri per arrivarci’. Sempre nel Team Gb Mo Farah si allena con lo ‘scienziato pazzo Alberto Salazar (un esule cubano) in Oregon usando un treadmill subacqueo: non meno di 20/30 chilometri alla settimana in aggiunta all’oltre centinaio di chilometri sulla terraferma. ‘Il dolore della corsa e’ come quello dell’annegamento. Perdi la volonta’ di combattere. L’idea e’ di superare questo tipo di fatica’, ha spiegato Salazar a sua volta un ex atleta.

DIVENTARE SUPERATLETI, MA A CHE PREZZO? – Diventare supertleti significa anche rischiare un fine gara come quello di Jonathan Browlee, medaglia di bronzo del triathlon dove suo fratello Alistair ha vinto l’oro: dopo aver avuto un collasso in vista del traguardo ha vomitato bile mentre i medici di team Gb gli coprivano il corpo di ghiaccio per abbassare la temperatura corporea, il tutto lontano dai flash dei fotografi.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento