mercoledì, 23 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

POLITICHE SI’, MA CON QUALI ALLEANZE? INTERVISTA AL POLITOLOGO GIANFRANCO PASQUINO
Pubblicato il 28-08-2012


Con la fine dell’estate e la ripresa dei lavori parlamentari, le elezioni politiche sono sempre più vicine. In parallelo si restringono i tempi per trovare una quadra sulle rispettive alleanze con le quali sfidarsi alla ghigliottina dell’urna. Equilibri instabili che potrebbero incidere profondamente sui programmi e sulle forze che avranno il compito di metterli in pratica, sulla stabilità e longevità del prossimo governo che dovrà inevitabilmente gestire la pesante eredità lasciata dall’esecutivo Monti e far fronte alle criticità che attanagliano il Paese.

A fare il punto con l’Avanti! sull’intricato e mutevole panorama di alleanze che si sta via via delineando con l’avvicinarsi dell’appuntamento con le prossime politiche è il politologo Gianfranco Pasquino. In assenza di una bussola chiara, i cittadini in queste giornate di politica e polemiche rischia di perdersi nella giungla delle candidature mordi e fuggi, a non districarsi tra movimenti dell’ultim’ora come quello di Grillo e partiti logori da troppi anni di malaffare come la Lega che sperano di vincere le elezioni cavalcando populismo e antipolitica si troveranno, da fronti diversi, a intercettare gli stessi elettori; partiti ad personam come il Pdl che implodono faranno da contraltare ai democratici di Bersani che si giocheranno il tutto e per tutto per rilanciare un centrosinistra rinnovato nelle alleanze e nei programmi.

Tra quali alleanze si troverà a scegliere il cittadino?

Tra alleanze brutte sporche e cattive. Eterogenee con quasi nessun denominatore comune incapaci di governare guardando al futuro.

Quali sorprese dovremo aspettarci?

Se sono davvero sorprese non possiamo prevederle. L’esplosione di Grillo e l’implosione del Pdl (o come si chiamerà). La mancata e rimpianta esplosione della affabulazione di Vendola. La mancata e agognata affabulazione (“diamo un senso a questa storia”) di Bersani e compagni. La rappacificazione fra Berlusconi sognante e Maroni realistico. Una lista dei giusti lanciata da La Repubblica.

Se si dovesse realizzare la riforma presidenziale o semipresidenziale cambierebbe il gioco delle alleanze?

Ovviamente, sì: tremendamente, totalmente, positivamente, consentendo agli elettori di dare un calcio al passato (è un eufemismo) e di entrare a vele spiegate nel futuro con i candidati e i partiti che avranno saputo innovare e rischiare.

Quanta influenza potranno avere le coalizioni europee su quelle italiane?

Ahimè, ahivoi: quasi nessuna influenza.

Quali sono i soggetti esterni, come sindacati o Chiesa cattolica, che
potranno influenzare il gioco delle alleanze e il voto?

L’unico soggetto esterno in grado di influenzare il voto si chiama SPREAD. Se NON rimane esterno, il soggetto Monti potrà influenzare alleanze voto e politiche.

Che influenza avrà l’ormai trasversale “partito dei rottamatori”?

Quasi nessuna tranne ottenere e accontentarsi di qualche strapuntino.

Lucio Filipponio

 

Lucio Filipponio

@LucioFilipponio

More Posts

Follow Me:
DiggStumbleUpon

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento