sabato, 19 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

PussyRi-hot, Nadia dal punk al porno
Pubblicato il 18-08-2012


Le hanno proposto di posare per la copertina di Playboy Ucraina, in poche settimane i suoi amici su Facebook sono schizzati a 5.000 e il video della sua dichiarazione di difesa – in cui cita Pitagora, Dostoevsky e Solzhenitsyn – ha fatto il giro del mondo, con il New Yorker che l’ha definito “una classico nell’antologia della dissidenza”. Caschetto sempre composto, sorriso dolce e di sfida allo stesso tempo, Nadezhda Tolokonnikova, giovane mamma di 22 anni, e’ considerata dall’accusa la “mente diabolica” delle Pussy Riot, il gruppo punk femminista di cui tre membri, tra cui la stessa Nadia (diminutivo del suo nome in russo) ieri, nel corso del processo a Mosca, sono state condannate a due anni di carcere per “teppismo e incitamento all’odio religioso”.

NO PASARAN – Le sue foto, nel tragitto che per piu’ di una settimana le ragazze hanno percorso tra il cellulare della polizia a la gabbia di vetro in cui ascoltavano le udienze, sono quelle piu’ rappresentative del processo che ha spaccato l’opinione pubblica russa e portato a schierarsi anche il jet set internazionale. L’ultima dell’8 agosto, Nadia con il pugno alzato, manette e t-shirt blu con scritto “No Pasaran”, in poche ore era ovunque su siti web e social network. Con il giovane marito Piotr Verzilov, Nadia ha una storia di attivismo politico, iniziato nelle piazze con le manifestazioni per la parita’ dei diritti dei gay e nel collettivo artistico pietrobughese Voina (Guerra).

ORGIA PUBBLICA – I due, come ricorda il Guardian, si erano conquistati i riflettori gia’ nel 2008: alla vigilia dell’elezione del presidente Dmitri Medvedev, hanno partecipato a un’orgia pubblica al museo di Biologia Timiryazev di Mosca, in una performance chiamata ‘Scopa per il successore – l’orsacchiotto!’ giocando sul cognome del presidente che deriva dalla parola russa medved (orso). C’era anche lei in un’altra celebre installazione dei Voina, quando disegnarono su un ponte di Pietroburgo un grande fallo proprio di fronte al quartier generale dei servizi segreti russi. Quando e’ stata arrestata a marzo, la Tolokonnikova era all’ultimo anno di Filosofia, all’Universita’ statale di Mosca. Ora e’ Piotr, anche promotore della vasta campagna mondiale di solidarieta’ alle Pussy, che si sta prendendo cura della loro bambina di quattro anni, Gera. Gli avvocati temono per il futuro della piccola, su cui incombe la possibilita’ di essere affidata ai servizi sociali adessso che la madre è stata condannata.

PREGHIERA PUNK – Facendosi portavoce delle due compagne di cella Katya Samutsevich (29 anni) e Maria Aliokhina (24), e’ stata Nadia a chiedere scusa ai fedeli che, stando alla procura, si sono sentiti offesi dalla “preghiera punk” inscenata a febbraio dalle Pussy Riot nella cattedrale di Cristo Salvatore e con cui chiedevano alla Vergine di “liberare la Russia da Putin”. Sempre lei ha spiegato che la performance non voleva offendere il sentimento religioso, ma solo denunciare un fatto politico: il supporto del Patriarca di Mosca alla candidatura a presidente di Vladimir Putin, tornato con le elezioni di marzo a capo della Federazione. “La nostra iniziativa conteneva solo un disperato desiderio di cambiare in meglio la situazione politica in Russia”, ha poi sottolineato. Secondo analisti e commentatori russi, sara’ molto difficile che i giudici le credano.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Ma che razza di titolo avete fatto? Non solo non c’entra niente con l’articolo ma, chiaramente, suona lesivo della protagonista. Cosa fate, titoli “intriganti” e pruriginosi per richiamare l’attenzione? Il prossimo passo sarà la terza pagina dei tabloid anglosassoni, quella con giunoniche attrazioni in bella vista?
    Per favore, come dice, giustamente, Riccardo Nencini “la sobrietà è di rigore”.
    Buon lavoro.

Lascia un commento