lunedì, 25 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Sicilia, con Crocetta anche l’Api di Rutelli. Si allarga la Casa dei riformisti e dei democratici
Pubblicato il 29-08-2012


Giorno dopo giorno si moltiplicano i leader dei maggiori partiti politici che scelgono di far parte della Casa dei riformisti e dei democratici, di quella grande alleanza di centrosinistra che si candida a tirare le redini del Paese nel dopo Monti. Su scala nazionale come in Sicilia, dove a breve si terranno le elezioni del governatore della Regione e saranno specchio delle dinamiche che con buona probabilità ritroveremo nelle prossime politiche. Dopo il Psi di Nencini e l’Udc di Casini, anche l’Api di Rutelli ha scelto di correre con Rosario Crocetta, candidato alla presidenza della regione Sicilia di Pd.

RUTELLI, BRAVO SINDACO NON POPULISTA – Accordo raggiunto in queste ore nel corso di un incontro tra Rutelli e l’ex sindaco antimafia di Gela Crocetta. L’esponente del Pd ha commentato «con l’Api ci siamo trovati in sintonia dal punto di vista programmatico. Anche l’Api si è dichiarata favorevole all’adozione del codice etico. Con Rutelli – aggiunge Crocetta – c’è sempre stata grande stima reciproca e il suo appoggio alla mia candidatura nasce anche sull’onda di questo rapporto consolidato nonché dalla grande compattezza dell’Api siciliano, di voler credere in questo progetto stando al mio fianco». Su twitter il leader Api ha scritto: «Positiva candidatura Crocetta. Bravo sindaco non populista. Siamo stati primi a sostenerlo. Difendiamo rapporto con centristi e autonomisti».

CROCETTA, NON C’E’ ANCORA ACCORDO CON FLI MA STIMO FINI – Dopo l’allargamento dell’alleanza all’Api di Rutelli, il candidato alla presidenza della regione Crocetta non esclude un’ulteriore apertura a Fli di Fini. “Non c’e’ ancora alcun accordo con Fli – ha detto Crocetta – ma posso ammettere di nutrire grande stima per Gianfranco Fini. Ha dimostrato un grande coraggio, anche automassacrandosi, pur di mettere fine all’era di Berlusconi. Se oggi Berlusconi non governa piu’, il merito e’ anche suo”. In merito alla prospettiva di allargare la coalizione che lo sostiene anche al Partito dei siciliani, erede dell’Mpa di Raffaele Lombardo, come auspicato poco prima dal leader dell’Api Francesco Rutelli, non ha chiuso la porta, ma ha sottolineato: “Delle alleanze si occupano i partiti. Io mi sono stancato di interpretare il ruolo del fabbro, che deve cercare di fare combinare i pezzi di un’alleanza”.

ODDO (PSI), SERVE COALIZIONE AMPIA A SOSTEGNO DI CROCETTA – “Il Psi siciliano rimane convinto che sia necessario costruire, intorno alla candidatura di Rosario Crocetta, una coalizione ampia, fortemente innovativa, autonomista ed aperta a movimenti di base, esperienze civiche e singole personalità, che punti a vincere le elezioni siciliane e non a fare pura e semplice testimonianza”. Ad affermarlo e’ Nino Oddo, della segreteria nazionale del Psi, che aggiunge: “Per questo rinnoviamo alla lista unitaria annunciata tra Sel, Federazione della Sinistra e Verdi l’appello che abbiamo gia’ rivolto alla sola Sel a non imboccare la strada senza ritorno dell’isolamento autoreferenziale, rispolverando parole d’ordine che sono state tra le cause della lunga serie di sconfitte del centrosinistra siciliano. Nello stesso tempo – puntualizza Oddo – il Psi apprezza e condivide tutte le iniziative miranti ad allargare ulteriormente la coalizione a sostegno di Crocetta. In questo spirito ha proposto un immediato incontro regionale a Fli ed Api al fine di individuare idee, proposte ed iniziative comuni che possano offrire un contributo concreto dei tre partiti all’allargamento della coalizione Crocetta e – conclude Oddo – all’auspicata vittoria del candidato dell’asse riformista siciliano”.

Lucio Filipponio

Lucio Filipponio

@LucioFilipponio

More Posts

Follow Me:
DiggStumbleUpon

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento