mercoledì, 16 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Trentino choc, installata per protesta una slot machine a 2.275 mt
Pubblicato il 03-08-2012


In Trentino, in Valle di Fassa, e’ stata collocata una Slot Machine a 2.275 metri per protestare sulla dipendenza dal gioco d’azzardo. L’iniziativa che numerosi escursionisti alpini hanno potuto notare vicino alla Baita sul monte Sella del Ciampaz e’ stata curata da Marino Pederiva. L’uomo da tempo si sta battendo per ostacolare la diffusione delle “macchinette” che a suo dire provocano perdite economiche agli utenti e conseguenti facili illusioni di guadagno. Sul Catinaccio delle Dolomiti l’originale installazione (ovviamente non funzionante) e’ stata posta anche per incentivare la lotta alla proliferazione del gioco d’azzardo.

L’AUTORE DELLA PROVOCAZIONE – L’autore della provocazione precisa che le macchinette “mangia-soldi” “nuocciono alla salute e creano dipendenza psicologica”. Non solo. Pederiva precisa: “continuerò a battermi contro ogni forma di gioco, dalle slot al ‘gratta e vinci’ ben consapevole dei rischi che corrono le persone”. La battaglia etica di Marino Pederiva e’ stata organizzata anche tramite la sua pagina personale in Facebook e -prossimamente- anche tramite video che saranno caricati in You Tube. La sua serie di iniziative ha gia’ creato l’interesse e l’azione delle amministrazioni locali. I comuni della Valle di Fassa hanno tutte approvato delibere che inibiscono la sistemazione di nuovi centri gioco all’interno delle aree urbane. Tali delibere delle municipalità di valle sono state impugnate presso il Tar dalle societa’ di gestione delle sale giochi, ma il Tribunale amministrativo regionale ha recentemente confermato la validità dei provvedimenti assunti dalle istituzioni.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento