martedì, 22 agosto 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Vertice Bce: Draghi disattende le aspettative dei mercati, lo spread vola e le borse crollano
Pubblicato il 02-08-2012


I mercati europei reagiscono male alle dichiarazioni di Mario Draghi, registrando quasi tutte il segno negativo. Il presidente della Bce ha prontamente spiegato che le sue parole espresse a Londra la scorsa settimana – sull’intenzione della Bce di fare qualsiasi cosa per il mantenimento dell’euro – sono state «fraintese» dai mercati finanziari poiché in quel discorso «non troverete nessun riferimento a un imminente annuncio sull’acquisto di bond italiani e spagnoli». Draghi al termine della riunione del direttivo di oggi ha reso noto che la Bce «è pronta» ad intervenire nuovamente e direttamente sui mercati in caso di necessità nelle prossime settimane senza però fornirne dettagli o citare misure specifiche.

LE DICHIARAZIONI DI DRAGHI – Il numero uno dell’Eurotower durante la conferenza stampa ha ricordato che l’eventuale azione d’intervento rientra «nella sua indipendenza e nel suo mandato». Inoltre i governi dell’Eurozona devono essere «pronti a chiedere l’intevento» dei fondi salva-Stati (Efsf) e Esm «qualora fosse necessario». E anche per l’Italia l’attivazione del meccanismo anticrisi «sarebbe su richiesta» e a determinate condizioni. In merito agli spread Draghi ha spiegato che «così eccezionalmente elevati sono determinati dalla paura, ma non sono accettabili» e che vanno ricondotti a «livelli ragionevoli» attraverso una «riforma strutturale» e una «maggiore volontà di integrazione» europea. In merito all’euro il presidente della Bce ha rimarcato che la moneta unica «è qui ed è irreversibile» anche se la crescita economica nell’Eurozona «resta debole», e «le tensioni dei mercati assieme all’elevata incertezza» minano il clima di fiducia generale.

LA REAZIONE DELL’EURO E DELLE BORSE EUROPEE – L’Istituto di Francoforte ha deciso di mantenere invariato il tasso di interesse dell’Eurozona al minimo storico dello 0,75% e la moneta unica – dopo un salto a 1,2405 – è poi scesa attestandosi sotto quota 1,22 dollari. Alle dichiarazioni di Draghi le borse europee hanno reagito negativamente: il Mib ha ceduto il 3,45, Madrid perso oltre il 5%, Parigi ha ceduto l’ 1,49% così come Francoforte, dove l’indice Dax ha lasciato oltre il 1,5%. Lo spread è volato a 490 punti base.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. E il Drago toppò.
    Forse si è dimenticato di quanto disse Virgilio, quando nel X canto,accompagna Dante al cospetto di Farinata Degli Uberti “LE TUE PAROLE SIAN CONTE”.
    La speculazione vive di incertezze ma, prospera alla grande ,quando presunte certezze si dimostrano inconsistenti.
    Questo al capo della BCE, non è permesso a venir meno il qualsiasi rangente
    Compagno Maurizio Mmolinari

Lascia un commento