giovedì, 22 febbraio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Atterraggio d’emergenza a Malpensa per un volo Easy Jet da Milano a Palermo
Pubblicato il 05-09-2012


Un volo “Easy Jet”, che avrebbe dovuto percorrere la tratta Milano Malpensa – Palermo Punta Raisi, si è ritrovato stamane costretto a effettuare un atterraggio di emergenza. La causa dell’imprevisto è stata una piccola crepa nel cockpit, il cruscotto della cabina di pilotaggio, e il comandante ha preferito ritornare nell’aeroporto lombardo. Secondo quanto si è appreso tutto si è svolto tranquillamente, i passeggeri sono poi ripartiti con un altro volo. Qualche passeggero avrebbe raccontato che durante l’operazione di sbarco è stato mostrato loro l’inconveniente del cruscotto, per evitare inutili allarmismi. 

L’ATTERRAGGIO D’EMERGENZA – David Crognaletti direttore commerciale dell’Aviation Sea, la società che gestisce gli aeroporti di Malpensa e Linate, ha spiegato: «Il vetro del cockpit – ossia il cruscotto – della cabina di pilotaggio stava esplodendo, e quindi a Napoli hanno fatto inversione e sono tornati a Milano». La notizia è stata resa nota durante la conferenza stampa a Palermo, durante la quale questa mattina é stato presentato il servizio “ViaMilano”.

I CASI PRECEDENTI – Lo scorso aprile un Boeing 777 dell’Alitalia, con tratta Roma Fiumicino – Dubai, è stato costretto ad un atterraggio d’emergenza vicino Atene, a causa di un finestrino del cockpit lesionato. Nella primavera del 2006 un airbus della Libyan Arab Airlines diretto a Londra, ha dovuto procedere all’atterraggio di emergenza all’aeroporto di Olbia a causa dell’esplosione di un finestrino della cabina di pilotaggio.


Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento