giovedì, 16 agosto 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Berlusconi si “attacca” al treno e lascia il suo jet ad Arcore
Pubblicato il 26-09-2012


Il Cavaliere volante Silvio Berlusconi scende dal suo aereo con il quale soleva solcare i cieli di mezzo mondo e sale in sella ad un “Frecciarossa” di Trenitalia per sfrecciare dalla sua “Bella Madunina” fino alla Capitale. Viaggio “inedito” spiegato come il frutto di  una scelta quasi obbligata, vista la chiusura dell’aeroporto di Ciampino, scalo dove atterra e decolla l’aereo di Berlusconi. Necessità dunque e non decisione di imprimere «una cambiamento» come aveva cinguettato ieri mattina dal suo account Twitter Daniela Santanché, fedelissima ancella dell’imperatore, che aveva fatto squillare le trombe per annunciare l’arrivo a Roma «tra la gente». Anche Michaela Biancofiore, coordinatore regionale del Pdl Alto Adige, non perde occasione per lodare il capo affermando «Berlusconi dimostra sempre di essere più avanti di tanti giovani e di volere e credere nel rapporto diretto con la gente».

«TORNA AD ASCOLTARE LA PANCIA DEL PAESE» – La Biancofiore va oltre e lancia un frecciatina al “fighetto” Renzi che si sposta in camper. «Lui infatti – ha continuato la coordinatrice – sale sul treno tra la gente e con la gente, Renzi è chiuso nel camper con il suo staff di partito. Una mossa che alimenta la certezza che Berlusconi è “oltre”, è tornato ad ascoltare la pancia del Paese e ha capito che è il momento di dare esempio di risparmio anche da parte di chi, come lui, è ricco grazie al lavoro di una vita». Forse proprio per fare concorrenza alle figura giovanile del suo amato Renzi, forse per mostrare la sua nuova forma smagliante che lo ha portato a perdere ben 8 chili negli ultimi tempi, è un Cavaliere in tenuta sportiva, camicia scura e vestito blu casual senza cravatta, quello che scende dal Frecciarossa.

ANCELLA/BODYGUARD – Berlusconi, da microfoni e taccuini, si concede per pochi minuti ai giornalisti. Le è piaciuto il viaggio in treno? È più comodo l’aereo?, gli chiedono i cronisti presenti al binario 1 di Termini. «Sono due cose diverse – replica sorridente – comunque il treno è comodissimo», garantisce. Ma il vero fuoriprogramma è offerto dall’ex consigliere della Provincia di Napoli Francesca Pascale che si improvvisa bodyguard strattonando alcuni giornalisti che cercavano di avvicinarsi all’ex primo ministro per fargli delle domande. In ogni caso, il leader del Pdl ha frenato rispetto al valore della sortita ferroviaria, giurando che non si tratta dell’avvio della sua campagna elettorale: “No”, non è così, si è limitato a rispondere.

BACI A RENZI – Sempre guardato a vista dagli uomini della sicurezza il Cavaliere, poi, dribbla le domande sulle dimissioni della Giunta Polverini e concede solo una battuta sull’endorsement fatto qualche settimana fa a Matteo Renzi: «Dite che è un bacio della morte? Allora vuol dire che non lo bacerò» risponde il Cavaliere in forma smagliante. “A pensare male si fa peccato, ma spesso ci si prende” diceva qualcuno. Lascia pensare i maligni il fatto che la stessa tratta Milano-Roma è percorsa anche da Italo, il treno dell’azienda ferroviaria di Luca Cordero di Montezemolo. Berlusconi ha però scelto di viaggiare su Trenitalia. Un messaggio alla possibile candidatura di Montezemolo, una scelta “popolare” per stare vicino alla gente o, semplicemente, fedeltà al suo ruolo di “presidente ferroviere”? Quale sia la vera ragione non è dato saperlo ma, quale che sia, non molti italiani sembrano esserne interessati. Oltre agli 8 chili “Silvio” ha perso anche la sua capacità di stupire.

Roberto Capocelli

Roberto Capocelli

Roberto Capocelli

@robbocap

More Posts

Follow Me:
DiggStumbleUpon

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento