sabato, 24 febbraio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Caso Lusi: un altro “no” alla richiesta di scarcerazione
Pubblicato il 04-09-2012


Luigi Lusi e la sua difesa incassanno un altro “no”. Non è prevista infatti nessuna scarcerazione per l’ex tesoriere della Margherita. A deciderlo è stato il Tribunale del Riesame, presieduto da Renato Laviola, dopo che la Cassazione aveva annullato, con rinvio, l’ordinanza di custodia cautelare del Riesame. Il procuratore aggiunto Alberto Caperna e il pm Stefano Pesci, nell’udienza a porte chiuse dello scorso venerdì, avevano espresso parere favorevole alla concessione degli arresti domiciliari per Lusi. In tal caso, l’ex senatore sarebbe andato in un convento abruzzese. Invece, con questo provvedimento, Lusi resterà nel carcere di Rebibbia, nel quale è rinchiuso dallo scorso 20 giugno, giorno del suo arresto. Gli suoi avvocati difensori, Luca Petrucci e Renato Archiadiacono, dovrebbero presentare un nuovo ricorso alla Cassazione per ottenere la scarcerazione del loro assistito o almeno la concessione degli arresti domiciliari.
LA VICENDA/SCANDALO – Lusi – ex tesoriere della Margherita – è indagato nell’ambito dell’inchiesta sull’appropriazione indebita di fondi del partito guidato da Francesco Rutelli. Lo scorso 20 giugno il Senato aveva votato favorendo il via libera alla richiesta della magistratura di arresto per l’ex senatore. Il gip nel suo provvedimento aveva parlato di “un’associazione a delinquere votata alla spoliazione, non solo al saccheggio di soldi pubblici, ma alla delegittimazione di un partito”. Precisamente la misura cautelare era stata disposta per pericolo di inquinamento delle prove per Lusi, accusato di aver “rubato” oltre 22 milioni di euro. Nella vicenda sono coinvolti due commercialisti e la moglie di dell’ex tesoriere, la signora Giovanna Petricone, rimessa in libertà lo scorso 9 luglio, dopo esser stata sottoposta agli arresti domiciliari dal 3 maggio.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento