domenica, 27 maggio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Fiat, sabato Marchionne incontrerà il governo. Pressing dei sindacati
Pubblicato il 19-09-2012


Sabato pomeriggio l’amministratore delegato della Fiat Sergio Marchionne e il suo presidente John Elkann, incontreranno a Palazzo Chigi il premier Mario Monti e i ministri del Lavoro, Elsa Fornero e quello dello Sviluppo Economico, Corrado Passera. L’esecutivo sembra aver chiesto chiarezza sull’impegno per il Paese e sul futuro degli stabilimenti italiani. Su questo futuro incontro si sono espressi il ministro della Coesione Territoriale, Fabrizio Barca e i leader sindacali. Barca ha assicurato che «l’attenzione è massima» poiché la Fiat «è un punto importante del Paese: tutti i punti di svolta della storia italiana, positivi o negativi, sono stati legati a questa straordinaria produzione».
IL COMMENTO DEL MINISTRO BARCA – Il responsabile della Coesione Territoriale ha dichiarato di essere lieto che l’ad Fiat incontrerà il premier, ma «un’idea ce la faremo quando capiremo in cosa consiste questo piano e quando ci sarà una prospettiva di finanziare le imprese in Italia con i fondi fatti in Italia». Barca ha dunque sottolineato che: «Se un’impresa non fa profitto o si approvvigiona dallo Stato o dai profitti di altre aree del mondo, evidentemente non è sostenibile».

CAMUSSO, MARCHIONNE HA DETTO COSE NON VERE – Parlando ai microfoni di Radio Anch’io, il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso ha ricordato la sparizione del piano che Fiat aveva annunciato, «l’azienda deve dirci che intenzioni ha: l’Italia deve sapere cosa fanno le grandi imprese del suo Paese». Camusso ha reso noto che Marchionne «oltre a separare il sindacato, ha detto cose non vere» e  mostra «ingratitudine» nei confronti di un Paese con il quale «non ha una relazione». Lo dimostra il suo modo di comunicare attraverso i quotidiani, in particolare il riferimento è stato all’intervista di ieri rilasciata a Ezio Mauro, direttore di Repubblica. Il leader della Cgil ha inoltre auspicato che all’incontro di sabato lad della Fiat «dica la verità, in modo che il Paese possa poi valutare e regolarsi. Così si prendono le contromisure». Il segretario Cgil ha invitato a concretizzare un tavolo con le parti sociali, dopo l’incontro di sabato tra vertici Fiat e governo.

LE DICHIARAZIONI DI LUIGI ANGELETTI – Sempre nella trasmissione radiofonica Radio Anch’io è intervenuto anche il leader della Uil, Luigi Angeletti ribadendo che l’intesa tra azienda automobilistica e sindacati «funziona solo se si fanno gli investimenti». Angeletti ha poi dichiarato di non essersi pentito né di dare fiducia a Marchionne, né degli accordi firmati da Cisl e Uil con la Fiat per gli stabilimenti di Pomigliano e Mirafiori. Il leader sindacale si attende che l’esecutivo crei le «condizioni generali perché investire in Italia sia conveniente. Nel nostro Paese – ha concluso – si producono un terzo delle macchine che si acquistano».

Silvia Sequi

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento