lunedì, 17 dicembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Stampe o bianco-nero purché sexy per la moda di Roberto Cavalli
Pubblicato il 24-09-2012


Con la sfilata delle creazioni firmate Roberto Cavalli, all’Arco della Pace, si spengono i riflettori  su Milano Moda Donna. Una conclusione davvero degna: la collezione Cavalli stavolta ha una magia che incanta subito tutti. Perché ha anche una giusta misura di eleganza, senza nulla togliere all’opulenza e alla sensualità: in passato, quando talvolta lo stilista fiorentino si era fatto sedurre dalle sirene della sobrietà, aveva finito per sbagliare uscendo dal suo tema. Cavalli è amato dalle donne perché è Cavalli, e oggi lo è stato, ritrovando una verve straordinaria.

ART NOUVEAU MA SEXY – Tutto e’ vagamente Art Nouveau, ma colpisce il bianco e nero in versione davvero sexy. L’inizio e’ candido (e poi diventa rosa) ma ricco di lavorazioni pazzesche: pizzo tagliato, ricomposto e ricamato con la pelle che a sua volta diventa un traforato merletto oppure accarezza il corpo in striscioline laserate raccolte come piccole tendine bouillonné. Il risultato sono completi a pantalone di eclatante impatto, vestiti con gonna a pannelli sciolti, di linea semplice ma di straordinaria ricchezza, tuniche di seta traforata portate su calzoni sciolti e trasparenti (visti dappertutto, saranno un must della prossima estate).

IL RITORNO DELLE STAMPE – Poi arrivano le stampe, che da Cavalli meritano sempre grande attenzione: stavolta sono elementi vegetali stilizzati, un po’ liberty, disegnati a mano su sfondi animalier e diventano vestiti a sottoveste, corti e lunghi, con inserti di pizzo e di pelle traforata. Effetto garantito anche per i completi pantalone, con fantasia di albicocca e verde acido, con giacchine a spalle insellate e lunghi revers di raso nero da smoking. Da segnalare l’idea dell’abito stampato coordinato con la Hera Bag nella stessa fantasia (la nuova borsa verra’ proposta in due misure e anche in pitone nero). Il finale e’ tutto bianco e nero, con bordure di ricami scuri di jais che si dissolvono sul candore degli abiti lunghi, poi con una serie di vestiti tempestati di cristalli neri.

VIP NEL BACK STAGE – Grande impatto grande successo: entusiasti sia i buyers dei grandi department store americani sia i clienti arabi (solo a Dubai, tanto per far capire, Roberto Cavalli ha quattro boutique) ma anche i compratori cinesi, schierati in prima fila (chissa’, forse e’ in onore di questa nuova clientela orientale che ormai tutte le modelle, perfino da Cavalli, sono ‘piallate’). Tutti di corsa a complimentarsi nel back stage, insieme con gli ospiti vip, tra cui Elizabeth Hurley e Valeria Mazza, entrambe con i mariti, le modelle e socialite spagnole Teresa Baca, Nievez Alvarez, Eugenia Silva, ma soprattutto la cantante inglese Leona Lewis, 27 anni, famiglia originaria della Guyana e oltre 20 milioni di dischi (quasi 10 milioni con l’album del debutto, Spirit) venduti in un paio d’anni di successo immediato e planetario. Per lei, nel back stage, misure rafforzate con i body guard esattamente come era accaduto alla sfilata di Just Cavalli per Sharon Stone.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento