sabato, 19 aprile 2014
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Home
Opinioni e commenti
 
“The Apprentice”, il reality con Briatore sul mondo degli affari. Il Boss in pantofole tenta di istruire i suoi “seguaci”
Pubblicato il 20-09-2012


Ha debuttato The Apprentice, il nuovo talent show sul mondo del business, lanciato dal canale Sky “Cielo”, che vede l’ex team manager in Formula Uno di Benetton e Renault, Flavio Briatore alla guida del programma. L’imprenditore di Cuneo, al suo debutto televisivo, non dovrà né recitare, né fingere. Dovrà semplicemente essere se stesso, ossia esser capace di individuare talenti, intuire chi è tagliato per essere un businessman e mandare a casa chi non lo è. «Sarò quello che sono nella vita, un imprenditore» ha spiegato Briatore. Secondo lui solo chi si impegna raggiunge il successo nel mondo degli affari. Chi fa cose diverse da quelli che ha intorno e chi capisce le regole del proprio mercato. Non credono al tuo successo? Bene, la miglior vendetta nei loro confronti è il successo stesso.

IL GIOCO E LE SUE REGOLE – I protagonisti sono sedici giovani determinati, 8 maschi e 8 femmine, tra i 20 e i 40 anni, selezionati tra 5000 aspiranti. Tra loro un consulente marketing, una studentessa, un trader bancario, una pr, un ingegnere delle telecomunicazioni e una ricercatrice di Finanza. Alcuni dei concorrenti sono appena usciti dall’Università Bocconi, ma tutti sono pronti a qualsiasi cosa pur di ottenere un contratto a 6 cifre per un ruolo di rilievo in una delle aziende di Briatore. Divisi in due squadre, monitorate da due tutor, che sono i collaboratori del discusso imprenditore cuneese, i protagonisti devono affrontare prove di business e soddisfare le aspettative del loro potenziale “boss”: autoritario intransigente e soprattutto il solo a decidere sulle loro sorti. Il format è stato ideato dal magnate Donald Trump, “capo-selezionatore” nella versione statunitense.

IL FORMAT ITALIANO - Da noi a scovare talenti degli affari è il geometra di Cuneo che sembra essere stato fortemente voluto dall’amico Donald Trump. Briatore, dopo essersi consultato con i suoi collaboratori, deve rendere nota la sua decisione su chi mandare via e chi far restare. Briatore pronuncia, con tono severo, la tanto temuta e secca frase “sei fuori”, accompagnata dal gesto, anche questo copiato dalla versione americana, del braccio teso e del dito puntato. Insomma, ragazzi dalla preparazione universitaria in mano al boss con le pantofoline ai piedi.

avatar

Redazione Avanti!

Test informazioni biografiche

More Posts - Website




Commenti all'articolo
  1. C’è un gran parlare di questo programma, anche noi lo abbiamo fatto, cercando le parole giuste, cercando di farcele uscire di bocca… per fortuna tanta gente la pensa come noi analizzandolo con sguardo critico
    ( casasquirters.wordpress.com/the-apprentice )

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


+ quattro = 13

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>