lunedì, 18 giugno 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Cordoglio per il Caporale Tiziano Chierotti: è la settima vittima italiana in Afghanistan nel 2012
Pubblicato il 26-10-2012


Non ce l’ha fatta il Caporale Tiziano Chierotti, uno dei quattro militari rimasti feriti nello scontro a fuoco di oggi a Bakwa. E’ deceduto alle ore 19.45 locali. Il militare, gravemente ferito all’addome, era stato trasferito dall’ospedale da campo di Farah alla struttura sanitaria di livello superiore di Camp Bastion per le cure del caso, ma si è spento per il repentino aggravarsi delle condizioni cliniche nonostante i tentativi di rianimazione. Non destano preoccupazione, invece le condizioni degli altri militari coinvolti nell’attacco che sono fuori pericolo di vita. Nel frattempo, la Procura di Roma ha aperto un fascicolo d’indagine sul conflitto a fuoco avvenuto in Afghanistan ipotizzando il reato di attentato ai fini di terrorismo. Gli accertamenti del caso sono stati affidati al Ros dei carabinieri.

IL MILITARE UCCISO – Tiziano Chierotti aveva 24 anni. Nato il 7 ottobre 1988 a San Remo, in provincia di Imperia, il Caporale Chierotti era effettivo dal  2008 al 2° reggimento alpini di Cuneo, inquadrato nella brigata “Taurinense”. Chierotti è il settimo militare italiano rimasto ucciso in Afghanistan dall’inizio del 2012 e il 52esimo dall’inizio della missione.

CORDOGLIO DALLO STATO MAGGIORE – Il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Biagio Abrate, a nome delle Forze Armate e suo personale, esprime ai familiari del Caporale Tiziano Chierotti il profondo cordoglio per la scomparsa del giovane militare deceduto a seguito delle ferite riportate durante lo scontro a fuoco. Il Generale Abrate esprime inoltre al Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Claudio Graziano, la propria tristezza e i sentimenti di vicinanza alla Forza Armata per il lutto che l’ha colpita.

IL MINISTRO DI PAOLA – All’apprendere la notizia, il ministro della Difesa, l’ammiraglio Giampaolo Di Paola ha sottolineato: «Sappiamo che questa fase della presenza italiana in Afghanistan è la più delicata e complicata», ribadendo che «il Governo si è impegnato a rispettare le date del ritiro in accordo con gli alleati transatlantici, fino a completare la transizione verso le forze di sicurezza afgane». Rispetto alla giovane vittima, Di Paola ha detto che «si stringe alla famiglia Chierotti per la scomparsa di Tiziano». «Non ti dimenticheremo», ha aggiunto.

MONTI, «MONDO POLITICO SI RACCOLGA INTORNO ALLE FORZE ARMATE» – Il presidente del Consiglio Mario Monti, venuto a sapere della morte del giovane alpino, auspica che «tutto il mondo politico e istituzionale si raccolga intorno alle Forze Armate italiane, confermando il pieno sostegno al loro impegno nelle aree di crisi ed in particolare all’opera encomiabile che prestano al servizio del nostro Paese nella cruciale fase di transizione istituzionale, stabilizzazione e pacificazione in Afghanistan».

NAPOLITANO, «SENTIMENTI DI VICINANZA E PARTECIPAZIONE AL DOLORE DELLA FAMIGLIA» – Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in un messaggio ai familiari ha espresso, facendosi portavoce dell’intero Paese, «un profondo cordoglio di fronte al tragico evento», e  una «affettuosa vicinanza e più sincera partecipazione» al grande dolore della famiglia. «Nella tragica circostanza – si legge in una nota del Quirinale – il Presidente Napolitano ha altresì chiesto al Capo di Stato Maggiore della Difesa, gen. Biagio Abrate, di rappresentare alle Forze Armate e all’Esercito in particolare i suoi sentimenti di cordoglio, di commossa solidarietà e di intensa partecipazione al dolore provocato dal proditorio attacco e di far pervenire il suo affettuoso incoraggiamento ai militari rimasti feriti».

Roberto Capocelli

Roberto Capocelli

Roberto Capocelli

@robbocap

More Posts

Follow Me:
DiggStumbleUpon

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento