sabato, 23 giugno 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Formigoni scioglie la giunta, ma non ci pensa proprio a dimettersi. Per la Lega in Lombardia si voterà a primavera
Pubblicato il 12-10-2012


In un altro paese, un importante ministro si dimise per aver accelerato le pratiche relative ad un permesso di soggiorno. In un altro Paese. In Italia invece, il presidente della regione Lombardia ostenta tranquillità di fronte al fatto che un suo assessore, Domenico Zambetti, sia stato arrestato con l’accusa di aver comprato voti della ‘ndrangheta. Non importa che, nel Pirellone, edificio simbolo delle Istituzioni, sia arrivata ieri, ancora una volta, la Guardia di finanza per sequestrare interi faldoni su indicazione della Procura che contestata i reati di truffa aggravata e peculato all’ex presidente del Consiglio regionale Davide Boni, all’ex vicepresidente Franco Nicoli Cristiani e al consigliere pdl Massimo Buscemi. In un altro paese sarebbe bastato a provocare un terremoto politico e dimissioni irrevocabili. Non nella Lombardia di Roberto Formigoni.

LA GIORNATA CONVULSA – Nonostante per tutta la giornata si fossero rincorse le notizie, ribattute freneticamente dalle agenzie, della sequenza di inchieste in cui inciampa la giunta Formigoni, già ampiamente travolta dallo scandalo di Dacco’ & co., il presidente della Lombardia aveva detto che non si sarebbe dimesso. E, recitando un copione già visto in casa Pdl nel Lazio della Polverini, l’inquilino del Pirellone si presenta di fronte alle telecamere ad annunciare la necessità di fare pulizia “azzerando” la giunta. Ma, naturalmente, rimanendo sulla “poltrona”. Proprio per trovare l’incastro che gli permettesse di rimanere in sella, infatti, per tutta la giornata di ieri, Formigoni, in via dell’Umiltà a Roma ha discusso con i vertici del Pdl per salvare la sua giunta dopo le dimissioni in blocco dei consiglieri della Lega.

IL SALVATAGGIO DELLA GIUNTA, MA SALVINI (LEGA) PRECISA «SI VOTA AD APRILE» – L’azzeramento della giunta e la nascita, nel giro di qualche settimana, di un governo ‘light’ con l’obiettivo di arrivare, entro dicembre, ad un nuova legge elettorale senza più il listino del presidente. Roberto Formigoni riprende l’aereo per Milano con in tasca un nuovo accordo che porta la firma “decisiva”, oltre a quelle di Silvio Berlusconi e Angelino Alfano, di Roberto Maroni. Al termine di una giornata trascorsa interamente a via dell’Umiltà’, il leader dei Lumbard ha confermato la fiducia al governatore Formigoni che può quindi proseguire nel suo mandato. Ma con la spada di Damocle del voto in primavera, come precisa in tarda serata il segretario della Lega lombarda Matteo Salvini che, nel corso di una manifestazione a Milano, ha detto che «per quanto ci riguarda non si arriva a fine mandato e si vota in primavera». Insomma, la Lega sembra giocare la partita su un difficile equilibrio: da un lato tenere duro per poi sperare di capitalizzare i voti in primavera. Ma, dall’altro lato, il rischio è quello di rimanere su una barcone che affonda.

FORMIGONI CONDANNATO A RISARCIRE I RADICALI PER AVERLI DIFFAMATI – Nel frattempo, mentre il Pirellone era scosso dagli ultimi scandali giudiziari, arriva una sentenza di condanna, la prima anche se con una pena pecuniaria, per Roberto Formigoni. Il Governatore lombardo è stato ritenuto colpevole di diffamazione nei confronti dei Radicali, in relazione alla ormai nota vicenda della presunta mendacia di centinaia di firme che vennero poste a sostegno della sua lista per le Regionali del 2010. Il presidente della Lombardia, come ha deciso il giudice della quarta sezione penale di Milano Carmen D’Elia, deve anche risarcire gli esponenti dei Radicali con 110 mila euro: 50 mila a Marco Pannella in qualità di rappresentante del partito, 30 mila a Marco Cappato e altri 30 mila a Lorenzo Lipparini.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. il ” celeste ” sul quale nutro seri dubbi circa la moralita’ della sua genitrice……e’ protetto dai preti….e da berlusconi…..ma anche lui dovra…..soccombere alla giustizia…..e vomitare fuori tutto quello che ha rubato….. vi ricordate” oil for food……?????

Lascia un commento