domenica, 20 maggio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Fotografia: a Roma il genio artistico di Stanley Kubrick, questa volta dietro la macchina fotografica
Pubblicato il 18-10-2012


1945-1950, questo il periodo di scatti immortalati da un giovanissimo Stanley Kubrick, divenuto poi un genio della macchina da presa. 160, questo il numero di fotografie che saranno esposte al Chiostro del Bramante di Roma nella mostra “Stanley Kubrick Fotografo”. Poco più di un mese per ammirare la creatività fotografica di Kubrick nel periodo in cui venne assunto da una rivista statunitense “Look magazine”, per documentare la vita quotidiana degli Usa nell’immediato dopo-guerra. Il regista di capolavori come “Odissea nello Spazio”, “Arancia Meccanica” e “Full Metal Jacket” prima di diventare un celebre cineasta, è stato dunque un fotografo di notevole abilità.

L’ESPOSIZIONE FOTOGRAFICA A ROMA – Sono circa 160 le fotografie stampate dai negativi originali, provenienti dall’archivio storico della rivista Usa, da domani a fine novembre esposte nelle sale del Chiostro del Bramante. Tra queste si possono ammirare celebrità di Hollywood ritratte in atteggiamenti e gesti di persone comuni: il giovane attore Montgomery Clift ripreso nel suo appartamento, in alcuni momenti di vita quotidiana: mentre beve il latte, mentre sbadiglia durante la lettura di un copione o gioca con un bambino. Il campione di pugilato italo-americano Rocky Graziano, uomo dall’infanzia difficile e migrato oltreoceano, immortalato da Kubrick sotto la doccia, alla ricerca della sua anima più autentica, lontano dai riflettori. La rassegna espone immagini anche di inquadrature contraddittorie di una New York all’epoca in corsa per diventare la nuova capitale mondiale o della giovane borghesia universitaria della Columbia University.

IL PRIMO SCATTO VENDUTO – Il primo scatto che venne pubblicato risale al giugno 1945 e ritrae un edicolante afflitto per aver appreso della morte dell’allora presidente Usa, Franklin D.Roosvlet. Il giovane Kubrick, aveva 17 anni, e incassò 25 dollari per quell’immagine che piacque talmente tanto da essere assunto dal magazine, dove vi lavorò fino al 1950, prima di scegliere di seguire la strada della cinematografia.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento