domenica, 19 agosto 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Giù le mani dal mattone: il Pdl pensa all’ennesimo condono edilizio
Pubblicato il 24-10-2012


Potrebbe essere il quarto e già si grida allo scandalo. L’Italia dei condoni edilizi è viva e vegeta nei cantieri sempre pronti a cementificare in tempi da record e in barba a qualsiasi divieto, ma anche in Parlamento. Perché si sa che l’affaire fa gola ai tantissimi palazzinari al pari di quegli onorevoli che si garantiscono il consenso sul territorio proprio grazie alla promessa del futuro condono. Un condono pre-urne insomma, a scadenza, da rivendersi in campagna elettorale. Ecco che allora dopo quello messo assegno nel ’93 dall’allora governo Berlusconi, il Pdl ci riprova. A lanciare l’allarme sono stati i senatori Pd Roberto Della Seta e Francesco Ferrante che annunciano il possibile blitz a Palazzo Madama da parte dei senatori pidiellini per imporre “la discussione in aula, fra una settimana, del disegno di legge Nitto Palma che introdurrebbe di fatto un nuovo, generalizzato condono edilizio”.

LA STORIA SI RIPETE – Secondo i senatori democratici col pretesto di impedire l’esecuzione delle migliaia di demolizioni di immobili abusivi disposte dalla magistratura in Campania, la norma “riaprirebbe i termini dell’ultimo condono, quello varato da Berlusconi nel 2003: una vera follia, che aprirebbe a una nuova immensa colata di cemento illegale rendendo il nostro territorio sempre più fragile, insicuro e dando un altro colpo al paesaggio”.

DI LELLO (PSI), ULTIMO FAVORE DEL PDL AGLI ABUSIVISTI CAMPANI – L’Italia dei condoni ma anche quella dei paradossi. «È veramente un Paese strano. Ieri – ha dichiarato il coordinatore nazionale del Psi Marco Di Lello – hanno condannato sette componenti della Commissione Grandi Rischi che si sono occupati del terremoto dell’Aquila, ma nessuno si è posto il problema di condannare gli amministratori che consentono, prima ancora degli speculatori, quotidianamente di costruire in spregio alle normative vigenti in aree sismiche, idrogeologiche e vulcaniche. Una brutta pratica tutta italiana, la colpa è sempre di altri”. Un blitz che ha il sapore agrodolce della storia, quella peggiore, che si ripete gattopardescamente in tempo di elezioni. “Evidentemente – continua Di Lello – un messaggio di tana liberi tutti che i soliti noti del Pdl hanno inteso come il via libera per riprovare a fare l’ultimo favore della legislatura agli abusivisti della Campania. Una schifezza che mi auguro il parlamento oramai in scadenza vorrà evitare agli italiani».

TUTTI I DANNI DEL CONDONO EDILIZIO – Una vicenda che dovrebbe scuotere le coscienze e che invece, troppo spesso, intercetta i bisogni di una popolazione stritolata dalla crisi ma anche abituata alle scorciatoie all’italiana. Si continua a fingere di non vedere i danni prodotti dalla spirale perversa tra abusivismo e condoni: si riduce drasticamente il livello di legalità, si danneggiano paesaggio e territorio, si mette in discussione la  sicurezza dei cittadini, si favoriscono le ecomafie troppo spesso tra i protagonisti del mattone illegale. “Ed è incredibile – aggiungono Ferrante e Della Seta – che a firmare una norma del genere sia un signore, Nitto Palma, che fino a pochi mesi fa era ministro della Giustizia. Per quanto ci riguarda, noi insieme a tutto il Pd ci batteremo in Senato con ogni mezzo regolamentare per impedire questo ennesimo scempio all’ambiente e al diritto e ci attendiamo un forte impegno anche del Governo”.

Lucio Filipponio

Lucio Filipponio

@LucioFilipponio

More Posts

Follow Me:
DiggStumbleUpon

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. parlate di scandolo quando si parla di condono edilizio, vergognatevi ogni giorno scandali di soldi pubblici che vi siete appropiati , questo e il vero terremoto, e voi uomini del PDL abbiate il coraggio di dire le cose veramente come stanno che e non fate solo propaganda elettore perche alle prossime elezioni nessuno andrà a votare primo perche avete lasciato la patata bollente nelle mani del sig. Monti per non perdere l’elettorato e adesso che vi consegna il paese con tutte le tasse possibili e bello andare a governare, cosi posso governare anche io, mentre c’e chi aspetta di sanare l’unica casa che sie costruiti da soli con anni di sacrifici. ALLORA DICO SI AL CONDONO EDILIZIO SOLO PER LE CASE DI NECESSITA’ …..MA ABBATTERE TUTTI GLI IMMOBILI PER SPECULAZIONE , GRANDI ALBERGHI, TUTTO QUELLO CHE FATE FINTA DI NON VEDERE

  2. Di quale legalità parlate esponenti del PD. Odiosi demolitori di case della povera gente , vogliamo ricordarvi che siamo stati costretti a costruire per necessita su un suolo legittimo con soldi nostri , e per questo che dovremmo pagare una pena massima?facciamo presente che l’Italia è piena di delinquenti di qualsiasi strato sociale , che ruba a evade a danno della comunità senza che gli venga applicata nessuna pena. Vergognatevi rappresentati del pd , un vostro governatore politico ha permesso che la nostra regione diventasse una pattumiera, e oggi siete a difesa del territorio e ma contro la povera gente.

  3. Non capisco perchè non potete costruire le case con regolare concessione. Cosa avete risparmiato visto che adesso la dovete demolire ? Boh ??? Chi vi capisce è bravo !
    IN BOCCA AL LUPO !

  4. Per Anticondono:

    lo fanno perchè poi spunta sempre qualcuno cun un idea “geniale”:

    Campania, il Pdl fa le barricate. Per difendere gli immobili abusivi
    Il Popolo della Libertà punta a riaprire i termini del condono edilizio. Nella sua prima uscita pubblica da presidente della commissione Giustizia, Francesco Nitto Palma ha detto: “I cittadini non possono vedere la loro casa andare giù”. Seimila ogni anno gli immobili costruiti senza autorizzazione, 170mila quelli già censiti dall’Agenzia del Territorio

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/05/15/campania-pdl-fa-barricate-per-difendere-immobili-abusivi/594681/

Lascia un commento