mercoledì, 22 agosto 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Hotel Transilvania, un Dracula tutto da ridere in 3D
Pubblicato il 17-10-2012


Arriva in Italia, distribuito in 450 copie in 2D e in 3D l’8 novembre, ‘Hotel Transylvania‘, film d’animazione di Genndy Tartakovsky, storia di Dracula e affini. Grande il successo negli Stati Uniti dove, nel primo week end di uscita, il 28 settembre, ha incassato 42 milioni di dollari, collocandosi subito al primo posto in classifica. “E’ il mio primo cartoon, avevo un gran timore di come sarebbe stato accolto, la notte prima dell’uscita nei cinema non ho dormito – ha detto il regista – poi ho visto come e’ andata e devo dire sono molto felice”.

LA TRAMA – “Hotel Transylvania è un cartoon di mostri, storia di un padre apprensivo, Dracula, che fa di tutto per accontentare sua figlia Mavis arrivata all’adolescenza, 118 anni. Nel loro castello abitano e vengono in visita solo mostri, Frankenstein, l’Uomo Invisibile, la Mummia, i lupi mannari, e tutto corre felice e tranquillo fino alla festa di compleanno di Mavis quando, non si sa come, arriva un umano e da li’ cominciano i pasticci che mettono a dura prova il preoccupatissimo padre. Il film è prodotto da Michelle Murdocca della Sony Pictures Animation. Nella versione originale le voci sono, tra gli altri, di Adam Sandler, Andy Samberg, Selena Gomez, Steve Buscemi; nella versione italiana Dracula ha la voce di Claudio Bisio, Mavis di Cristiana Capotondi.

COME ESORCIZZARE LA PAURA DEI MOSTRI – “E’ una storia da ridere, mi auguro – ha detto il regista russo – io ho sempre amato molto il cinema d’animazione, da quando ho compiuto 7 anni e mio padre mi ha portato in America. Da quel momento non ho piu’ smesso di guardare cartoons. Quando mi hanno proposto questo film, girava già un progetto da 3 anni e ho un po’ temuto per il fatto che su Dracula sono stati fatti centinaia di film, ma poi ho capito che proprio per questo non avevo da temere, non avrebbe avuto senso fare paragoni”. Ha poi spiegato come questo sia un film che esorcizza la paura dei bambini parlando di mostri, ma anche il terrore dei genitori moderni di veder crescere i propri figli. “Oggi i genitori hanno paura di tutto, sono dei genitori-elicotteri che vorrebbero poter seguire i loro pargoli 24 ore su 24, io quando ero ragazzino uscivo di casa al mattino e tornavo la sera e nessuno sapeva cosa avevo fatto”.

PERSONAGGI CHE LASCIANO IL SEGNO – Il regista ha poi aggiunto di non essere un patito di 3D. “Non so bene se il 3D rappresenti un valore aggiunto – ha aggiunto – sicuramente certe scene, come qui quella dell’entrata nella grande hall dell’Hotel, ne guadagnano perchè portano lo spettatore ‘dentro’, ma non direi di piu”. Ne’ sono un patito degli ultimi ritrovati tecnologici, quello che interessa a me sono le storie e i personaggi. Se Star Wars ha avuto il successo che ha avuto e ha ancora non è certo solo perché era all’avanguardia come tecnologia, ma perché i suoi personaggi erano fantastici”.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento