giovedì, 21 giugno 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Il Dl Sanità incassa la fiducia: nuovi divieti di fumo, alcol e giochi per gli “under 18”
Pubblicato il 19-10-2012


Nuove regole per la trasparenza e l’efficienza del Servizio sanitario, ma anche attenzione ai corretti stili di vita in particolare verso i più giovani con i nuovi divieti di fumo, alcol e giochi per gli “under 18”. Il decreto sanità incassa “con largo consenso”, come sottolinea il ministro Renato Balduzzi, il voto di fiducia (380 i sì) e il primo via libera da parte della Camera e ora passa al vaglio del Senato.

QUALCHE POLEMICA E LA SODDISFAZIONE DEL MINISTRO – Un via libera non senza critiche, tra le proteste delle opposizioni (Lega e Idv) che puntano il dito contro un “decreto manifesto” di cui “non si vede l’urgenza”, qualche defezione nel Pdl, e il Pd che, pur promuovendo “le buone intenzioni del ministro” avverte che i nuovi tagli in arrivo con la legge di stabilità mettono a rischio la tenuta della sanità pubblica. Sul testo, già “arricchito e migliorato”, come spiega sempre il ministro, si fanno peraltro sempre più insistenti i rumors sulla ferma intenzione dei senatori di intervenire con ulteriori correzioni (o aggiunte). Ma i margini sono stretti. Anche perché, fanno notare diversi parlamentari, se a Palazzo Madama si facessero interventi molto “incisivi” si rischierebbe di non avere più il tempo per la terza lettura. In ogni caso, bisognerà “studiare una strategia nei prossimi giorni”, taglia corto Balduzzi, soddisfatto per il primo passaggio parlamentare di un decreto “confermato nel suo impianto” e che consentirà, a maggior ragione in un momento di “risorse scarse” di rendere più efficiente, trasparente e sostenibile il servizio sanitario nazionale.

LAVORO DEI MEDICI, COSA CAMBIA –  Per i medici di famiglia via alle aggregazioni mono e multiprofessionali garantendo la copertura “per tutta la giornata” ma “a costo zero” fino al rinnovo delle convenzioni, e con organizzazione stabilita dalle Regioni. Per quelli dipendenti poi più trasparenza nella libera professione, con pagamenti sempre tracciabili e studi privati collegati in rete con le Asl. Per tutti cambia il profilo della responsabilità, con la colpa lieve che comporterà solo il risarcimento ma è saltato l’obbligo per tutte le strutture di assicurarsi. Concessa una deroga del 15% al blocco del turnover per le Regioni che avranno valutazione positiva dei progressi nei piani di rientro.

STILI DI VITA –  Per gli under 18 niente alcolici (con multe salate per chi li vende), fumo e giochi, sui quali c’è anche una stretta sulla pubblicità. In più é introdotto l’obbligo di portare dal 12 al 20% il succo naturale contenuto nelle bibite analcoliche a base di frutta. Le nuove norme si applicheranno dopo 9 mesi dall’entrata in vigore della legge e previo esito positivo della procedura di notifica alla Ue.

FARMACI – Terreno di scontro tra le forze politiche e capitolo che, per Balduzzi, “deve rimanere aperto”. Rispetto al testo proposto dal governo è infatti saltata (per effetto di emendamenti presentati dal Pdl) la possibilità di rinegoziare il prezzo per quelli troppo onerosi nella revisione del prontuario. Via anche la norma sull’uso dei farmaci fuori etichetta.

Lucio Filipponio

Lucio Filipponio

@LucioFilipponio

More Posts

Follow Me:
DiggStumbleUpon

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento