lunedì, 22 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Ilva, migliaia di persone manifestano per dimostrare la vicinanza al giudice Todisco
Pubblicato il 08-10-2012


C’è una Taranto che ha scelto da che parte stare. E come se la vicenda Ilva avesse segnato uno spartiacque ideale e antropologico nelle viscere più profonde di una città da sempre refrattaria alla lotta. La manifestazione di venerdi scorso, organizzata dalle associazioni ambientaliste a sostegno del giudice Patrizia Todisco, si pone in uno spazio altro rispetto a quello ascrivibile alla semplice rivendicazione di diritti negati o, peggio ancora, calpestati.

NEL NOME DI UN MAGISTRATO – Diecimila tarantini che sfilano per le vie del centro, diecimila voci che scandiscono entusiasti all’unisono il nome di un magistrato, in un’epoca contrassegnata da indifferenze collettive e passioni tristi, costituisce una notizia. Un grande movimento di opinione si è messo in cammino. Se si votasse domani, il giudice Todisco, forse, potrebbe diventare il sindaco di Taranto. Non ci sarebbe partito o esponente politico in grado di sbarrarle la strada. Non c’entra la chiusura o meno dell’Ilva in quello che sta accadendo in questo lembo di Puglia. Tentare di leggere il fenomeno in atto con queste chiavi interpretative è riduttivo e, al tempo stesso, semplicistico.

AMBIENTALISTI E INDUSTRIALI UNITI – Non c’entra lo scontro tra ambientalisti e industrialisti, sempre molto vivo da queste parti. La fiaccolata dell’altra sera ha visto sfilare, assieme, gli uni accanto agli altri: ecologisti ed operai Ilva. Non era mai accaduto prima. Il gip Todisco, ed è questa la novità rilevante, porta a sintesi gli opposti. Azzera l’imbarazzante dicotomia ambiente-lavoro. Conduce ad unità la voglia di normalizzazione di una città abituata a vivere di eccessi. Quello che avverrà nelle prossime settimane è difficile prevederlo. Un risultato, però, è già possibile consegnarlo alla storia: Taranto vuole costruirsi un futuro diverso.

Vincenzo Carriero

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento