martedì, 25 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Istat, segnali di ripresa dal ddl stabilità. Ma in arrivo svantaggi per famiglie con figli
Pubblicato il 23-10-2012


Sono “incoraggianti” e “timidi” i primi segnali di ripresa dell’economia italiana, ma con questa legge di stabilità ci saranno “meno benefici per le famiglie con figli”. Così il presidente dell’Istat, Enrico Giovannini, ottimista e realista nell’audizione in Parlamento sul ddl stabilità, durante la quale ha commentato la riduzione dell’Irpef e il taglio delle detrazioni. Il numero uno dell’Istituto Nazionale di Statistica ricorda però che grazie alla contrazione delle aliquote Irpef, e la rimodulazione delle detrazioni e deduzioni, in media le famiglie avranno una riduzione d’imposta pari a 240 euro annui.

PRESIDENTE ISTAT, LA CAUTELA È D’OBBLIGO – Giovannini ha spiegato che: «Gli indicatori ci dicono che c’è una percentuale straordinariamente elevata di famiglie che si indebitano o traggono risorse dal risparmio», sottolineando che questo è un sintomo «di chiara difficoltà». «I primi, seppur timidi, segnali positivi» evidenziati un mese fa, «ulteriori segnali incoraggianti, ancorchè non univoci, sono emersi anche nelle ultime settimane», ha rimarcato Giovannini, che ha poi invitato ad avere «cautela nell’interpretazione di questi dati», considerata la «difficoltà di destagionalizzare, in una fase congiunturale incerta come l’attuale, i dati relativi ad agosto».

SVANTAGGI PER FAMIGLIE CON FIGLI PICCOLI – Sulle misure fiscali adottate dall’esecutivo, il presidente Istat ha rilevato che i nuclei familiari con figli avranno benefici inferiori e il loro svantaggio «risulta più evidente se questi sono di minore età, o comunque ancora impegnati negli studi o non economicamente autosufficienti, poichè si lega al fatto che la cura dei figli riduce le probabilità di occupazione delle madri (e, per quelle occupate, costituisce un ostacolo al conseguimento di maggiori guadagni)».

L’INIZIATIVA “CIELI BUI”, INSICUREZZA PERCEPITA FRENA ATTIVITÀ – Nel ddl sulla stabilità è prevista la cosidetta operazione “Cieli bui” per incrementare i risparmi. Secondo Giovannini questa iniziativa «ha sollevato dubbi nell’opinione pubblica» sotto il profilo della sicurezza. Il presidente Istat ha inoltre ricordato che da un’indagine del 2009 era emersa «una certa limitazione alle attività quotidiane dei cittadini derivante dall’insufficienza di illuminazione e dalla conseguente percezione dei cittadini di scarsa sicurezza nel circolare per le strade».

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento