mercoledì, 17 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Jovanotti al ‘Terminal 5’ incanta New York
Pubblicato il 08-10-2012


Si conferma l’idillio tra Jovanotti e la Grande Mela. Ancora una volta il popolo newyorkese ha risposto all’invito del cantautore italiano, negli Usa per il suo tour autunnale. Al ‘Terminal 5′, un grande spazio industriale che si affaccia sull’Hudson River, Lorenzo Cherubini ha fatto registrare il tutto esaurito. E’ una cornice molto diversa dai locali-boutique del Village, come il ‘Poisson Rouge’ o il ‘Webster All’, solitamente scelti per le sue performance.

DAI CLASSICI ALL’OMAGGIO A N.Y. – Il rapper di Cortona, però, non ha deluso le aspettative delle oltre 2.500 persone presenti, regalando ai suoi fan, che hanno accolto con grandi applausi i successi piu’ belli, piu’ di un’ora e mezza di musica. A dare il via alle danze, un assolo del bassista Saturnino. Quindi ‘Serenata Rap’, ‘Penso Positivo’, la dolcezza di ‘Bella’ e ‘A te’, e la carica de ‘L’ombelico del mondo’. Ma anche una dedica alla Grande Mela, con un accenno di ‘Empire State of Mind’ di Jay-Z e Alicia Keys. In omaggio all’Italia e alla vena melodica che scorre nel suo rap, Lorenzo ha voluto inserire nella scaletta anche una ‘chicca’ d’altri tempi: la poesia di ‘Vecchio Frack’, di Domenico Modugno. Per l’appuntamento al ‘Terminal 5’, Lorenzo ha scelto di dare spazio non solo al suo rap ‘duro-melodico’ e alle sue ‘liriche d’amore’, ma anche a tanta musica, con un grande assolo del sassofonista Francesco Cafiso, la giovane stella scoperta proprio negli Usa, che ha deliziato il pubblico per diversi minuti.

JOVANOTTI, UN ANNO AL VILLAGE – ‘Qui Nuova York vi parla Lorenzo! Sono qui per suonare il piu’ possibile, sentire il piu’ possibile, scrivere il piu’ possibile, battere il mio tempo su questo enorme tamburo’, ha scritto sul suo account Twitter. Questa infatti e’ piu’ di una tournee’ musicale: ogni spostamento diventa un modo per trovare nuove ispirazioni e nuove emozioni da raccontare al pubblico, che Lorenzo condivide giorno dopo giorno proprio sul sito di microblogging. E c’e’ anche qualcosa di diverso: Jovanotti e’ diventato un newyorkese – d’adozione – a tutti gli effetti. Il cantante ha infatti deciso di trasferirsi per un anno nel Village, con la moglie e la figlia. Una full immersion a stelle e strisce che trova espressione nelle sue esibizioni, iniziate il primo ottobre al ‘9:30’, locale storico della capitale Washington, per poi fare tappa a Philadelphia e Boston.

IL TOUR CONTINUA – Dopo Manhattan, il tour prosegue quindi verso Atlanta, Orlando, Miami, Austin, Denver, Minneapolis, Chicago, e Detroit. Il pubblico del ‘Terminal 5’ avrebbe continuato a cantare e ballare ancora per molte ore, mentre per Lorenzo, visibilmente entusiasta, la luna di miele con New York ha tutto il sapore dell’inizio di una fase di nuove sperimentazioni musicali.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo

Lascia un commento