domenica, 20 maggio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Lazio-gate, dimissioni lampo del capogruppo Idv Maruccio dopo l’ultimatum di Di Pietro
Pubblicato il 10-10-2012


Si è dimesso poco dopo aver appreso di essere indagato dalla Procura di Roma e soprattutto pochissimo dopo aver ricevuto l’aut aut dal leader del suo partito. Vincenzo Maruccio, capogruppo regionale dell’Italia dei Valori, anticipa di quasi due ore l’ultimatum lanciatogli dal leader dell’Idv Antonio Di Pietro che lo invitava a dimettersi entro le 14 da tutti i suoi incarichi, nel partito e in Regione. L’accusa a carico di Maruccio è quella di peculato. L’indagine riguarda una consistente distrazione di fondi destinati al gruppo consiliare. Si parla di 500mila euro destinati al partito e di cui invece Maruccio si sarebbe appropriato. I pm stanno però verificando se a questa somma vadano aggiunti circa 200mila euro di prelievi in contanti da due conti del gruppo. In tal caso si arriverebbe alla cifra di 700mila euro.


L’INCHIESTA – Le perquisizioni da parte militari della Guardia di Finanza hanno riguardato sia gli uffici del Consiglio regionale dell’ex coordinatore Idv Maruccio sia la sua abitazione romana. L’inchiesta sarebbe partita in seguito a una segnalazione da parte della Banca d’Italia su movimenti sospetti sui conti dell’ex capogruppo. L’accusa di peculato fa riferimento alla distrazione di fondi del partito, che sarebbero stati poi trasferiti in parte sui conti personali di Maruccio e in parte utilizzati per spese che non avrebbero nulla a che fare con l’attività del gruppo. L’inchiesta è coordinata dal procuratore aggiunto Alberto Caperna e dal sostituto Stefano Pesci.

DI PIETRO, SOSPENSIONE E DIMISSIONI DI MARUCCIO – Il leader dell’Idv, Antonio Di Pietro ha dichiarato che Maruccio «si è dimesso dal partito, da coordinatore regionale dell’Idv, dal suo ruolo di capogruppo e soprattutto da consigliere regionale». «Gli avevamo dato tre ore di tempo per farlo. La magistratura svolga il suo compito» ha concluso Di Pietro.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo

Lascia un commento