venerdì, 19 ottobre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

NO MONTI DAY, LA MAPPA INTERATTIVA DELL’AVANTI! PER SEGUIRE IN DIRETTA LA MANIFESTAZIONE
Pubblicato il 27-10-2012


 

Scorri la mappa per seguire la manifestazione. Aggiorna la pagina per gli ultimi sviluppi

19.00 – La manifestazione si avvia alla conclusione.

18.11 – Dopo aver bloccato per una decina di minuti l’ingresso al tratto urbano della A24, all’altezza del cimitero del Verano, il corteo di studenti ha fatto dietro front occupando di nuovo la tangenziale, questa volta in direzione San Giovanni. Il traffico ha ripreso a circolare sull’altra carreggiata della sopraelevata, in direzione Tiburtina, mentre è tutt’ora occupato dalla manifestazione su quella dove stanno marciando i manifestanti.

17.58 – Il corteo di studenti e centri sociali dopo aver occupato la tangenziale est, ha imboccato la rampa di ingresso alla A24, bloccando l’accesso del tratto urbano dell’autostrada. Successivamente i manifestanti sono tornati sulla tangenziale est, in direzione San Giovanni, bloccando nuovamente il traffico sulla carreggiata opposta rispetto al precedente blocco.

17.39 – Il corteo degli studenti ha raggiunto scalo San Lorenzo e sta salendo sulla Tangenziale tra le auto in coda. Gli studenti una volta raggiunta piazza San Giovanni, arrivo previsto per la manifestazione, hanno deviato la rotta marciando lungo via Carlo Felice, fino a porta Maggiore dove poi si sono avviati verso via dello scalo San Lorenzo.

17.22 – E’ diretto verso la città universitaria il corteo degli studenti. Nella zona di via Carlo Felice le forze dell’ordine hanno evitato qualsiasi contatto con i giovani che hanno così potuto proseguire verso San Lorenzo e piazzale Aldo Moro. Alcuni cassonetti sono stati capovolti e l’immondizia si è sparsa in terra. La maggio parte dei partecipanti alla protesta si è comunque fermata a San Giovanni. Poco più di un migliaio, quasi senza insegne e striscioni, è invece andato avanti.

17.15 – Il corteo di studenti e centri sociali ha deviato il proprio percorso una volta giunto a piazza San Giovanni, tappa finale della manifestazione. Il corteo si sta ora dirigendo su via Carlo Felice verso piazza di Santa Croce in Gerusalemme, dove ad attenderli sono già schierati camionette della polizia e agenti in tenuta antisommossa (segnalato sulla mappa con la striscia verde).

16.58 – Fuori programma durante la manifestazione. Lontano dal corteo qualcuno ha appiccato fuoco a 3 cassonetti della raccolta differenziata di rifiuti in via dello Statuto. Qualche attimo di paura tra i negozianti della zona, che però non si sono persi d’animo e hanno iniziato a spegnere il fuoco con i loro estintori, fino all’arrivo di una squadra dei vigili del fuoco, all’incirca 5 minuti dopo, che ha provveduto a sistemare la situazione. Via dello Statuto è limitrofa al percorso del corteo, ma non è inserita nel percorso.

16.44 – La testa del corteo del No Monti Day è arrivata in Piazza S.Giovanni. Tante le bandiere rosse sventolate in piazza, sia del sindacato Usb che del partito di Rifondazione Comunista. I manifestanti, alla guida del “serpentone”, partiti da Piazza della Repubblica, hanno sfilato per via Cavour, via Merulana e via Emanuele Filiberto, dove il resto del corteo sta ancora sfilando.

16.35 – Secondo fonti dell’organizzazione sono 150 mila i partecipanti alla manifestazione in corso a Roma. Lungo viale Manzoni lanci di uova e scritte sulla sede locale della Banca Etruria. Piccoli gruppi di manifestanti incappucciati, muniti di stencil e bombolette spray, prendono di mira le sedi delle banche lungo il percorso.

16.00 – Uova e vernice e alcuni petardi sono stati lanciati contro la banca Unipol di via Cavour al passaggio del corteo dei manifestanti. Contro le vetrine della banca sono state lanciate anche alcune bottiglie.

15.57 – E’ una manifestazione più affollata del previsto quella del “No Monti day”. La testa del corteo è entrata qualche minuto fa in via Merulana, mentre si attende ancora la confluenza del corteo degli studenti in piazza della Repubblica, piazza ancora molto affollata da persone in attesa di partire per la manifestazione. L’arrivo, si ricorda, è atteso in piazza san Giovanni.

15.45 – A protestare oggi a Roma contro il governo Monti sono scesi in piazza anche i terremotati dell’Emilia. Alcuni cittadini del Comitato Sisma.12 stanno sfilando al corteo. Tra i cartelli esposti, “L’Emilia e’ ancora scossa, diamoci una mossa!”, “Emilia sMontiamo le tende e il governo”, “Siamo uomini o limoni? Ci avete già spremuto abbastanza”.

15.30 – Il corteo di circa 500 studenti, partito dall’Università La Sapienza di Roma per partecipare “No Monti Day” ha raggiunto Piazza dei Cinquecento, davanti alla Stazione Termini dove si è ricongiunto al corteo principale. La manifestazione è già partita e marcia verso Piazza San Giovanni, mentre gli studenti si sono inseriti in mezzo al corteo, davanti alla delegazione di Rifondazione Comunista.

14.00 – E’ partito il corteo del “No Monty Day”.  Roma blindata per il rischio di infiltrazione dei black bloc. La questura ha messo in piedi la macchina della sicurezza e annunciato “tolleranza zero” verso atti vandalici. Rimarranno chiuse le stazioni metro Manzoni e San Giovanni, dove è previsto l’arrivo dei manifestanti. Il sindaco sindaco di Roma Gianni Alemanno ha lanciato un appello: «Rispettate la città». Il No Monti Day è promosso dal Comitato No Debito, Usb, Cobas, Cub e Partito della Rifondazione Comunista a cui si è aggiunto un corteo di studenti partito in mattinata da La Sapienza. «Con l’Europa che si ribella, cacciamo il governo Monti», lo striscione che apre il corteo .

Roberto Capocelli

Roberto Capocelli

@robbocap

More Posts

Follow Me:
DiggStumbleUpon

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento