sabato, 18 agosto 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Primarie di centrosinistra, al via “Riscrivi l’Italia – Scegli il tuo presidente del Consiglio”
Pubblicato il 31-10-2012


La macchina delle primarie del centrosinistra è pronta a partire, dal 4 novembre sarà possibile registrarsi all’albo degli elettori (anche online), prima del voto ci saranno due “week-end di mobilitazione” e per il voto saranno allestiti “9.000-10.000 seggi”. Il comitato “Italia, bene comune” ha presentato ieri la campagna di comunicazione studiata per le primarie del centrosinistra ed ha illustrato le iniziative pensate per preparare l’appuntamento del 25 novembre prossimo quando i cittadini saranno chiamati a “scegliere il candidato premier del centrosinistra”, come ha ricordato Luigi Berlinguer, presidente del comitato dei garanti delle primarie. E come si legge sui manifesti presentati oggi, gli elettori del centrosinistra dovranno votare per scegliere il proprio “presidente del Consiglio”.

SORTEGGIO PER L’ORDINE DEI CANDIDATI SULLA SCHEDA – Pier Luigi Bersani è al primo posto, mentre Matteo Renzi arriva per ultimo: è questo l’ordine con cui i nomi del leader Pd e del sindaco di Firenze verranno stampati sulle schede elettorali per le primarie del centrosinistra. Il sorteggio è stato effettuato ieri pomeriggio presso la sede del comitato “Italia, bene comune”, estraendo a caso i bigliettini inseriti in un’urna trasparente. Bersani, appunto, sarà il primo nome sulla scheda, seguito da Bruno Tabacci, Laura Puppato, Nichi Vendola e, infine, Renzi.

OBIETTIVO? MASSIMA PARTECIPAZIONE – Semplice l’immagine scelta per i manifesti: un’Italia composta dalle firme degli elettori delle primarie e, sotto, il ‘claim’ “Riscrivi l’Italia – scegli il tuo presidente del Consiglio”. In tutto, una campagna costata 300mila euro. Ha spiegato Berlinguer: “Sento dire che questa è una macchina complessa e che rispetto a quelle di Prodi si sia organizzato in modo più ‘meccanico’ il sistema. L’intenzione con cui abbiamo lavorato  è quella di aumentare la partecipazione, le primarie costituiscono un’occasione per vincere. La verità è che noi stiamo favorendo la partecipazione”. Berlinguer ha tenuto a ricordare che “non esistono primarie del Pd quest’anno, questo è il centrosinistra ‘Italia bene comune’, le primarie sono per scegliere il candidato del centrosinistra alle politiche. Vogliamo riunire il nostro popolo, non mettergli il bollino: non solo identificare il corpo elettorale, ma creare le condizioni per la mobilitazione, qualcosa che è nella nostra cultura. La registrazione non ha una funzione notarile. Per venti giorni chi vuole votare si può registrare, una cosa che prima non c’era. Il popolo si mobilita, non si informa solo via tv”. Inoltre, “gli studenti fuori sede che magari studiano a Bologna e sono pugliesi non devono tornare in Puglia a votare; ci saranno seggi speciali per persone inabili…”.

PREVISTI 10MILA SEGGI – Nico Stumpo, responsabile organizzazione, ha spiegato che sono state raccolte dai candidati “più di 130mila firme”, che rappresentano “il segnale di una partecipazione attiva. Sarà un mese duro, faticoso, spero entusiasmante: abbiamo immaginato le primarie come strumento per rimettere in rapporto cittadini e politica”. Stumpo ha aggiunto: “Dal giorno 4 ci saranno migliaia di uffici elettorali distribuiti per il paese, che via via cresceranno e che alla fine si trasformeranno in due week end di mobilitazione nelle piazze”, prima del voto del 25 novembre. “Questa nostra macchina avrà bisogno di diverse decine di migliaia di volontari e tutto ciò sarà possibile grazie all’impegno del popolo del centrosinistra. I seggi saranno tra 9mila e 10mila”. Infine, Roberto Cuillo, portavoce del comitato: “Già da due settimane è online il sito delle primarie. Dal 4 novembre, dal momento in cui inizierà la registrazione, il sito sarà disponibile per una registrazione online e sarà disponibile anche l’elenco dei seggi”. Per quanto riguarda la “campagna di comunicazione abbiamo puntato sul low cost, usando quattro canali: manifesti, web, social network, radio locali”.

Lucio Filipponio

Lucio Filipponio

@LucioFilipponio

More Posts

Follow Me:
DiggStumbleUpon

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento