martedì, 25 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Stay hungry, stay foolish, stay #choosy
Pubblicato il 23-10-2012


Oggi siamo tutti un po’ choosy. Nel senso che storciamo il naso a sentire un ministro del Lavoro invitare i giovani a essere meno schizzinosi nello scegliere un “posto”. Neanche fossimo costretti a mandar giù il piatto che odiamo di più al mondo, neanche dovessimo spalare letame ciclicamente come intrappolati nel peggiore dei gironi danteschi. Il nostro girone, fatto apposta per noi, i giovani che si sentono choosy. Perché dopo aver sorriso a comando al capo di turno e poi grazie ti faremo sapere, dopo aver mangiato stage gratuiti e pacche sulle spalle, dopo aver sgobbato le notti come cameriere per sbarcare il “lunario garantito” da precario vita natural durante mi sono chiesto tra me e me: non è che il problema sono io? Non è che la Fornero ha ragione? Non è che sono troppo choosy? E allora alle lacrime e sangue, già versate come il ministro ha chiesto illo tempore, ho mandato giù anche qualche senso di colpa.

Poi vedo una foto scolorita di Steve Jobs intento a trafficare nel garage dei genitori con il suo Apple e tutto mi è tornato un po’ più chiaro. Ripenso al discorso fatto ai neolaureati di Stanford, un invito per tutti ad inseguire un traguardo, un successo, con dedizione e talvolta rischiando. L’enfant prodige di Cupertino disse: “Stay hungry, stay foolish”. Altro che “choosy”. Non disse accontentatevi del primo lavoro in nero e sottopagato che vi offrono, non disse volate basso perché qui in alto siamo già troppi, non ci condannò alla mediocrità dell’essere precari bamboccioni che neanche ci provano a cambiare le cose. Bene. Sono talmente choosy da sognare un ministro del Lavoro come Steve Jobs.

Lucio Filipponio

Lucio Filipponio

@LucioFilipponio

More Posts

Follow Me:
DiggStumbleUpon

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento