martedì, 22 maggio 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Su twitter impazza #eventoestremoaRoma
Pubblicato il 15-10-2012


Dopo la nevicata shock dello scorso febbraio che ha colto impreparata la Capitale, provocando disagi a centinaia di cittadini, questa volta il sindaco Gianni Alemanno sembra non voler farsi trovare nuovamente impreparato ad affrontare un eventuale rischio nubifragio. E’ in arrivo “Cleopatra”. Da almeno 48 ore tg e radio parlano della notizia annunciando “fulmini e saette”, diversi millimetri di pioggia ad intasare tombini, strade allagate, fiumi di auto imbottigliati nel traffico infernale di Roma. Il sindaco, dalla sua, ha parlato di “allerta meteo” annunciando la chiusura delle scuole. Poi più nulla. Scuole aperte e sole alternato a qualche sprazzo di pioggia. Sana prudenza o allarmismo ingiustificato? “Nel Lazio le piogge dovrebbero già esaurirsi nel pomeriggio. Sulla non chiusura delle scuole credo sia stato giusto. Non si tratta di una nevicata che causa disagi al traffico, il nubifragio può allagare una strada”, così il Colonnello Mario Giuliacci sull’allarme nubifragi riferisce all’Avanti!.

La nuova perturbazione di origine atlantica che ha raggiunto il nostro Paese è stata chiamata “Cleopatra”. Perché questo nome?

Il mio centro non li dà. Noi utilizziamo una numerazione per i fenomeni climatici, ad esempio la perturbazione numero 1, 2 o 3. Il nome viene dato come specchietto per le allodole su un certo sito, noi non diamo nomi. Credo sia uno sminuire il valore della scienza meterologica.

Allora qual è questa perturbazione?

È la numero 4 e senz’altro la più intensa rispetto a quelle precedenti. La quinta giungerà sabato prossimo.

Quali regioni saranno colpite?

Sono molte le regioni a rischio nubrifagi: Lazio, Campania, Ovest della Sicilia, le Alpi e i laghi lombardi. Il fatto che sia enfatizzato un nubifragio a Roma è relativo al fatto che un evento del genere nella Capitale crea più disagio. L’enfatizzazione su Roma ha fatto però dimenticare il rischio nubifragi anche su altre aree dell’Italia. Nelle grandi città è indubbio che il rischio di una forte perturbazione crei disagi maggiori. Nel Lazio le piogge dovrebbero già esaurirsi nel pomeriggio, durante la sera sarà interessato solo il basso Lazio.

La Protezione Civile ha lanciato un messaggio di allerta meteo, che si è poi attenuata a Roma. Le scuole infatti resteranno aperte.

L’allarme è ancora in piedi, erano previste piogge intense tra mattina e pomeriggio. Vi sono ancora possibilità di nubigrafi nel pomeriggio. Sulla non chiusura delle scuole credo sia stato giusto: non si tratta di una nevicata che causa disagi al traffico e non solo.

Quali consigli dovrebbero seguire i cittadini?

Consiglio prudenza per chi guida in aree a rischio: ad esempio vicino ai torrenti, nei sottopassi, particolarmente pericolosi per il ristagno dell’acqua.

Silvia Sequi

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento