martedì, 11 dicembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Toscana, tra le mete più amate dagli stranieri e dagli internauti
Pubblicato il 15-10-2012


Nel 2012 il mercato estero, con il 49,7 per cento di presenze, raggiungerà in Toscana la stessa quota del mercato interno: aumentano i turisti stranieri, e compensano così la perdita registrata nei flussi nazionali. Nonostante la crisi generale, i numeri dicono che le presenze complessive restano, dopo un eccezionale 2011, comunque superiori all’estate 2010 pur registrando una flessione totale del 3.9 per cento. Tra gennaio e maggio, le percentuali pareggiano: stranieri +3, italiani -3 per cento.

TOSCANA? E’ LA REGINA DEL WEB – Ma c’e’ un altro dato che e’ la vera novita’ di questa stagione: il fai da te, la voglia di organizzarsi da soli. E’ stato un vero e proprio boom: si e’ passati dal 58 per cento delle prenotazioni online del 2011 al 63,7 per cento di quest’anno. L’intermediazione, quindi agenzie viaggi e tour operator, vede un calo del 10 per cento nel trimestre estivo; qualcosa che fa riflettere. E la Toscana si conferma regina del web: e’ la prima meta richiesta su Google maps. Sono i segnali piu’ importanti di questa stagione turistica delicata e complessa, ma da studiare con attenzione per costruire le strategie per il settore turistico di domani per la Regione.

BOOM DEL TURISMO FAI DA TE – Un aspetto va esaminato con cura: il quadro economico e sociale che si e’ creato. Nel secondo trimestre del 2012, tenuto conto dell’inflazione, il potere di acquisto delle famiglie si e’ ridotto dell’1,6 per cento rispetto al trimestre precedente e del 4,1 per cento rispetto al secondo trimestre del 2011, il dato peggiore dal 2000. Nei primi sei mesi del 2012, nei confronti dello stesso periodo del 2011, l’Istat rileva anche che il potere d’acquisto ha registrato una flessione del 3,5%. La propensione al risparmio delle famiglie italiane, misurata al netto della stagionalita’, e’ stata pari all’8,1 per cento (dato peggiore dal 1999), con una diminuzione di 0,6 punti percentuali rispetto al trimestre precedente e di 0,5 punti percentuali rispetto al corrisponde trimestre del 2011.

LA CRISI CONTINUA A PESARE – C’e’ da meravigliarsi se si scopre che il numero degli italiani in vacanza e’ sceso del 22,2 per cento? E che solo un italiano su tre e’ andato in vacanza, secondo Federconsumatori? Per il settore turistico, i dati dell’Osservatorio nazionale turismo dicono che nei prime sei mesi di quest’anno, rispetto allo stesso periodo del 2011, si e’ registrato un calo del 5,6 per cento di arrivi, di un 6,9 delle presenze, ma per il turismo estero il dato e’ invece di piu’ 1,6 per cento, con la Toscana che come detto registra performance migliori.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Sergio Mattarella Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo

Lascia un commento