sabato, 22 settembre 2018
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Ville venete, un patrimonio artistico-culturale in 125 tappe
Pubblicato il 25-10-2012


Un immenso patrimonio storico e artistico, elemento fondate della civiltà veneta. Sono 125 le “Ville Venete” che aderiscono ad un nuovo circuito turistico dedicato al “paesaggio culturale” della regione, a testimonianza di uno scenario architettonico organico al tessuto geografico e sociale del territorio. L’iniziativa sarà proposta nei prossimi mesi, e lanciata anche sui maggiori mercati turistici internazionali attraverso una campagna pubblicitaria, e prevederà la possibilità di visitare gli edifici storico-monumentali aderenti al circuito.

VILLE APERTE – Oltre agli edifici in sé, saranno aperte le porte anche ai parchi circostanti, si potrà soggiornare e ristorarsi nelle ville, conoscere e assaggiare le migliori produzioni enogastronomiche del territorio. Le Ville Venete sono un fenomeno architettonico, culturale e paesaggistico unico al mondo. Quelle del Palladio sono state dichiarate dall’Unesco patrimonio dell’umanità. Sono ufficialmente 3477 le ville catalogate, realizzate dalla nobiltà e dalle famiglie ricche del Veneto nei secoli della lunga pace assicurata in terraferma dalla Repubblica di Venezia. In un territorio dove era garantita la sicurezza e con ottime vie di collegamento terrestri e fluviali, esse rappresentarono centri diffusi di sviluppo economico agricolo, artigiano, culturale e civile. Quasi tutte di consistenti dimensioni, gli edifici sono costituiti da complessi che includono barchesse, oratori, giardini, rustici e apparati artistici di gran rilievo, oltre che da affreschi, stucchi e materiali lapidei.

“CARTA DEI SERVIZI AL TURISTA” – La rete turistica aperta al pubblico è costituita dalla Ville Venete i cui proprietari si sono impegnati al rispetto di una “carta dei servizi al turista”. Esse offrono, con orari e modalità certe, la possibilità di visitarne gli interni e i parchi, di soggiornarvi o di ristorarsi con le produzioni agroalimentari e i vini del territorio.

Angela Merkel bce Berlusconi bersani CGIL crisi Donald Trump elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia lavoro Lega legge elettorale Luigi di Maio M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Matteo Salvini Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia senato Silvio Berlusconi UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento