martedì, 26 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Aveva 15 anni ed era omosessuale. Si impicca in casa, “suicidato” dagli sfottò di una società ignorante
Pubblicato il 22-11-2012


Aveva 15 anni. Un’età che, in uno Stato civile, dovrebbe essere tutelata. Era omosessuale, un gusto personale su cui nessuno ha l’autorità per mettere lingua e che, pure, si continua a chiamare, tra risolini e sprezzo tipici dell’ignoranza, “anormalità”. Aveva una sensibilità più profonda che doveva essere coltivata rispetto alla mediocrità di chi lo prendeva in giro. E, invece, lo studente A.S. del liceo scientifico romano “Cavour” veniva deriso. Era consapevole di sé, portava abiti rosa e smalto: niente più, niente meno di chi si veste in una certa maniera, di chi sceglie il Burberry piuttosto che il Moncler. E, invece, no. Pare, anche se la notizia non è confermata, che, oltre agli sfottò di alcuni studenti, addirittura una professoressa, lo scorso martedì, di fronte ad uno smalto incolore, gli avesse detto che non era il caso di presentarsi a scuola in quella maniera. Si è impiccato con una sciarpa in casa sua. Lo ha ritrovato, morto, il fratellino più piccolo.

IL “FAKE” SU FACEBOOK PER DERIDERLO – Ma, gli sfottò contro il ragazzo non sono solo voci. In un’epoca in cui tutto è registrato sui database, è una pagina Facebook a testimoniare che la presa in giro nei confronti del ragazzo non fossero solo voci, ma un realtà concreta. Avevano, infatti, creato un profilo “fake”, con il nome alterato, ma riconoscibile del ragazzo e delle foto prese dal profilo vero. La bacheca era curata da qualcuno e veniva quotidianamente aggiornata con derisioni. Oggi su quello stesso profilo sono apparse scritte contro i curatori della pagina.

CLAUDIA BASTIANELLI (FGS), SONO LE ISTITUZIONI CHE DEVONO INTERVENIRE – A commentare l’episodio è intervenuta Claudia Bastianelli, segretaria nazionale dei Giovani Socialisti. «Noi parliamo tanto di diritti civili, ma poi, purtroppo, questi rimangono un argomento tabù in Italia», ha affermato la Bastianelli, sottolineando come «a fronte del menefreghismo e dello stallo delle istituzioni rispetto a questa materia, si aprono dei pericolosi spazi che permettono il verificarsi di episodi come questo». Per il Segretario della Fgs, per affrontare alla radice la questione è necessario intervenire con «due step che prevedano la formalizzazione di una specifica educazione nelle scuole e l’intervento normativo da parte delle Istituzioni». La Bastianelli ricorda che la politica ha delle colpe profonde nel non affrontare l’argomento perché «parlare di determinate questioni in Italia non è populista, non raccoglie facile consenso. Occuparsi delle minoranze, a livello elettorale, fa meno comodo che occuparsi delle maggioranze. A questo si somma anche l’ingerenza della Chiesa». Proprio l’anno scorso, la Camera aveva respinto una proposta di legge dell’onorevole Concia contro l’omofobia.

LA FIACCOLATAPer ricordare il giovane, il circolo di cultura omosessuale Mario Mieli, Queerlab, l’Associazione Radicale Certi Diritti e Luiss Arcobaleno hanno organizzato  una fiaccolata che si terrà stasera, alle 19.30, e partirà da via di San Giovanni in Laterano diretta al Liceo Cavour. «Vessato dai compagni da più di un anno, rimproverato da un’insegnante, non ce l’ha fatta più e si è impiccato con una sciarpa, davanti al fratello minore. L’ennesima bruttissima pagina che racconta una condizione, quella di gay e lesbiche e trans ancora in età scolare, che sono preda dell’ignoranza, insultati ed emarginati – dice Mario Mieli – Registriamo questo episodio di bullismo ignorante che colpisce chi si trova in un età delicatissima di affermazione della propria identità e si trova spesso a farlo in un contesto sociale e familiare ostile o indifferente».

Roberto Capocelli

Roberto Capocelli

Roberto Capocelli

@robbocap

More Posts

Follow Me:
DiggStumbleUpon

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Il fatto è che la maggioranza stessa è un’insieme di molte piccole minoranze che spesso si sovrappongono. E prima o poi a tutti capita di essere discriminati. Rispettare e riconoscere i cittadini omosessuali è prima di tutto un gesto di rispetto verso tutta la società.

Lascia un commento