sabato, 23 settembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Carceri, tre colossi della meccanica aprono azienda dietro le sbarre
Pubblicato il 17-11-2012


Gd, Ima e Marchesini Group, sono i tre colossi bolognesi del packaging e della meccanica automatizzata. I loro fatturati assieme sfiorano il miliardo e mezzo di euro. Insieme hanno fondato una micro società per produrre e assemblare componenti meccanici destinati alla loro produzione. Tutto dentro il carcere di Bologna. Si chiama “Fid, Fare impresa in Dozza” e impiegherà a pieno regime oltre 20 detenuti, assunti col contratto nazionale dei metalmeccanici. A tempo indeterminato. Quando usciranno dal carcere, se avranno provato le loro competenze, saranno assunti nelle tre aziende.

COS’E’ FID? – Fid e’ una società di capitale privato (equamente partecipata dalle tre imprese) e, come ogni societa’ ‘capitalistica’, mira a far utili, forse gia’ in un anno. Utili che pero’ saranno reimpiegati in Fid o destinati ad attivita’ del carcere. La sede di ‘Fare impresa in Dozza’ e’ nella ex palestra del carcere. Fid funziona come una qualsiasi delle piccole imprese che costituiscono l’ossatura della struttura produttiva emiliana: lavora in subfornitura per grandi committenti. Con l’indubbio vantaggio che, in questo caso, essendo appunto le committenti anche socie in Fid, le commesse non dovrebbero mancare.

FARE BENE INSIEME – C’e’, dietro questo progetto, un’idea di fare bene insieme, tra istituzioni (dal carcere alla Regione, dai sindacati alla Provincia) e impresa, per creare un modello. Non a caso le tre aziende sono in societa’ con la Fondazione Aldini Valeriani, istituzione storica vocata all’istruzione professionale. E’ la Fondazione che ha curato la formazione dei detenuti: 12 hanno gia’ fatto il corso, altri 10 l’inizieranno. Oggi lavorano per 6 ore al giorno, in futuro 8. L’unico limite e’ che il contratto e’ legato (per convenzione) al carcere di Bologna. Se arriva un trasferimento ad altra sede detentiva, il rapporto di lavoro deve chiudersi. Comunque, ha spiegato il prof. Italo Minguzzi, che presiede Fid, si interrompera’ alla fine della detenzione, quando i lavoratori saranno ‘licenziati’ per essere assunti dalle imprese committenti, o da una delle ditte che gravitano nella loro orbita.

RESPONSABILITA’ SOCIALE DELL’IMPRESA – C’e’ in Fid anche una idea forte di responsabilita’ sociale dell’impresa. E forse non e’ un caso che al vertice di Marchesini Group ci sia il responsabile della Confindustria emiliano-romagnola, Maurizio Marchesini; quello di Ima sia il presidente di Unindustria Bologna, Alberto Vacchi. E che il nome della famiglia che sta dietro Gd, i Seragnoli, sia da decenni legato al sostegno di diverse eccellenza della sanita’ bolognese. Perche’, per dirla come Aldo Gori, operaio in pensione che per 40 anni ha lavorato in Ima, e che oggi gratis fa il tutor ai detenuti, “se un essere umano e’ caduto non possiamo non pensare, come societa’ civile, di non dargli una possibilità”. Certi, come il provveditore regionale dell’amministrazione penitenziaria Pietro Buffa, che “la fortuna non esiste. La fortuna e’ forza di volonta’, impegno e passione. E la creiamo noi”.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento