venerdì, 24 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Con Bersani per ridare al Paese la governabilità che merita
Pubblicato il 14-11-2012


Un mese fa il nostro Segretario Nazionale Riccardo Nencini, ha sottoscritto con Pierluigi Bersani e Nichi Vendola, la “carta degli intenti” dell’alleanza riformista presentata agli italiani con un progetto politico per Governare L’Italia. La grande crisi che ha messo in ginocchio il Paese, il forte distacco che si è creato tra politica e cittadini, l’Unione Europea che ancora non ha saputo andare oltre la moneta per dare vita ad una Unione Politica in grado di offrire risposte ad una globalizzazione che ha lasciato troppo spazio non ai liberi mercati, ma ad un’azione incontrollata della “finanza creativa” con effetti devastanti nel mondo, ci ha portato ad intraprendere con grande chiarezza la strada di un patto pubblico per il bene comune.

BASTA CON L’ANTIPOLITICA – Negli anni appena trascorsi fatti di difficoltà e privi di una rappresentanza politica, mai abbiamo pensato fossero venute meno le ragioni del socialismo nella convinzione che la strada giusta per l’Italia fosse quella della nascita di un’alleanza riformista sul modello delle grandi sociademocrazie europee. Certamente siamo stati in contrasto con chi ha cercato di portare il popolo italiano a pensare che i partiti “non servono più”, gli ideali non esistono perché ormai sono cadute le “differenti visioni”, insomma in contrasto con chi ha intrapreso anche con successo, la strada della personalizzazione della politica. Certamente quest’ultima non ha sempre dato “buoni esempi” soprattutto ai giovani le cui aspettative di vita sono oggi mortificate da una società in cui “merito, capacità e lealtà” sono sovente tacciati per “debolezza”, in una società che enfatizza un modello e stili di vita dove i furbi si possono permettere ogni cosa. Su questo fronte i partiti avrebbero potuto dare risposte più celeri e incisive perché questo ha lasciato spazio a rabbia e delusione, da parte di chi ha perso il lavoro o non lo trova, di chi deve vivere con grandi restrizioni, da parte dei giovani che non vedono più nella politica lo “strumento per migliorare il mondo” e oggi si sta delineando un clima preoccupante, perché  tende a “non distinguere” più.

RIDARE ALL’ITALIA LA GOVERNABILITA’ CHE MERITA – Storia e letteratura su questo fronte ci insegnano parecchie cose: l’Italia non può restare il Paese del “Cambiamo Tutto per Non Cambiare Niente”. Noi la pensiamo e agiamo diversamente. In questi anni abbiamo caratterizzato la nostra azione politica nella difesa dei principi di equità e nella difesa dei diritti. Il Paese sta vivendo una crisi economica senza precedenti, ma non si può pensare di colpire sempre gli stessi con leggi e tagli lineari che aumentano il divario tra chi è ricco e chi è povero, tra chi è molto ricco e quello che un tempo veniva definito “ceto medio”. Per questa ragione abbiamo insistito per l’introduzione di una Patrimoniale sulle grandi ricchezze, più risorse per la scuola, maggiori diritti civili, pari opportunità tra uomini e donne a tutti i livelli. Le primarie sono una buona occasione per spiegare le ragioni del progetto per il bene dell’Italia, per “risvegliare una fiducia collettiva” nel futuro e nel cuore degli italiani. Per questa ragione, le donne e gli uomini socialisti stanno lavorando attraverso i comitati sostenendo Pierluigi Bersani. Il 25 novembre sarà poi l’inizio di un percorso per ridare all’Italia quella giusta governabilità che merita.

Rita Cinti Luciani

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento